25 Giugno 2024

Officina di autoricambi abusiva scoperta a Gelso Bianco

Officina di autoricambi abusiva scoperta a Gelso Bianco

È stato dapprima accertato come il titolare avesse solo un’autorizzazione per il commercio di veicoli e non per la vendita di pezzi di ricambio usati

L’officina abusiva avveniva non solo all’interno di un capannone ma anche in un’area di circa 170 mq, realizzata con una struttura in lamiera, senza alcuna concessione edilizia.

In entrambe le zone i militari hanno trovato numerosi scaffali pieni di pezzi di ricambio usati, ma il titolare non aveva alcuna fattura di acquisto di quella merce, la cui provenienza è apparsa chiara quando, sul retro dello stabile, i Carabinieri hanno scovato ben 5 auto parzialmente smontate, che erano state affidate al proprietario dell’azienda per essere rottamate.

Un’autodemolizione in pena regola ma senza alcuna autorizzazione che si svolgeva in un piazzale esterno mediante l’utilizzo di gru idrauliche, fiamme ossidriche e attrezzi vari

In una zona di stoccaggio non idonea, nella quale erano stati anche accatastati rifiuti come pneumatici, manicotti in gomma, staffe di metallo, passaruota, e parti di motori di veicoli.

Accanto, sempre negli spazi esterni, erano state realizzate diverse coperture precarie sotto le quali i Carabinieri hanno trovato le parti interne delle auto, come i sedili e i pannelli degli sportelli, che poi venivano rivenduti.

L’officina non era munita nemmeno di condotte per le acque reflue, perciò durante le piogge, tutto veniva sversato in strada

L’imprenditore è stato denunciato per aver realizzato ben 9 depositi incontrollati di rifiuti speciali, per scarico industriale non autorizzato, abusi edilizi e mancata licenza commerciale.

Potrebbe interessarti: “Suo figlio è stato arrestato”: la truffa della cauzione per liberarlo

redazione

redazione