03 Giugno 2024

Estorsione per un cellulare, arrestato bulgaro 28enne

Estorsione per un cellulare, arrestato bulgaro 28enne

La Polizia Ferroviaria di Catania ha arrestato un bulgaro di 28 anni per il reato di tentata estorsione. Era diventato il terrore del quartiere

 

Il ventottenne era già noto alle forze dell’ordine in quanto pluripregiudicato. Più volte denunciato dagli stessi agenti della Polfer per furto e rapina ai danni dei passanti. In particolare, il 28enne operava in via Tezzano, angolo con via VI aprile, destando non poche preoccupazioni tra i residenti della zona.

Gli agenti hanno raccolto la denuncia di un uomo, qualche settimana prima vittima del furto del proprio telefono cellulare, per la cui restituzione, aveva chiesto 20 euro.  Alla vittima aveva dato appuntamento nelle ore notturne. Opportunamente appostati e camuffati, si sono però presentati anche gli agenti della Polfer. L’estortore è stato pagato con una banconota segnata. Il 28enne non consegna il cellulare e tenta di allontanarsi. Gli agenti lo bloccano trovandogli addosso la banconota precedentemente contrasegnata.

L’uomo è stato quindi arrestato per tentata estorsione e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in atteso del rito della “direttissima” durante il quale l’arresto è stato convalidato.

Potrebbe anche interessarti: Cavallo di ritorno su una chat WhatsApp, ma trova i carabinieri

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.