17 Maggio 2024

Zona industriale, caos e pericoli per cantieri non ancora avviati

Zona industriale, caos e pericoli per cantieri non ancora avviati
Fiom e Cgil: “Non è ancora un’infrastruttura prioritaria e di valore per la politica e le istituzioni catanesi e della Regione Siciliana”

La VIII strada della Zona industriale di Catania è stata parzialmente interdetta al traffico a causa di un cantiere non ancora avviato.

Ne consegue che la viabilità alternativa mette a repentaglio l’incolumità dei tanti automobilisti pendolari e non, e degli autisti che guidano mezzi aziendali, costretti a seguire un percorso accidentato e sfornito sia di una segnaletica adeguata che di illuminazione.

Lo segnalano la Fiom Cgil e la Cgil di Catania

“A conferma del fatto che la Zona industriale di Catania non è ancora un’infrastruttura prioritaria e di valore per la politica e per le istituzioni catanesi e della Regione Siciliana. E questo, nonostante quanto affermato in occasioni pubbliche nelle ultime settimane”. 

Per il segretario provinciale della Fiom Cgil, Francesco Furnari, e per il segretario generale della Cgil, Carmelo De Caudo, “è necessario ed urgente un intervento del prefetto e delle istituzioni. Affinché le lavoratrici e i lavoratori possano recarsi ad operare in tutta sicurezza con una viabilità degna della ricchezza che contribuiscono a produrre in questa città”.

Per Fiom e Cgil, “l’impressione è che i buoni propositi annunciati lo scorso 26 febbraio. L’incontro tra l’assessore Eddy Tamaio, il commissario della Zes orientale, Irsap e Comune di Catania, si siano rivelati solo slogan elettorali”.

“Ancora oggi – proseguono Furnari e De Caudonella Zona industriale non è stato avviato alcun cantiere. Pochi giorni fa il sindaco di Catania, Trantino, ha negato che sia stata applicata la logica del rimpallo della responsabilità sui disagi dell’area. Per questo motivo lo invitiamo a percorrere le tratte di cui parliamo. Dopo, forse, si farà un’idea più precisa”.

Potrebbe interessarti: Fortino, droga e armi nel deposito del chiosco 

redazione

redazione