19 Aprile 2024

Trasportava cocaina nascosta nelle mutande

Trasportava cocaina nascosta nelle mutande

Un 39enne trasportava a bordo di uno scooter 10 dosi di cocaina che nascondeva nelle mutande.  A beccarlo i Falchi. L’uomo è finito in carcere.

Asec Trade S.r.l.

Un 39enne procedeva in strada a bordo del suo scooter. Con la loro esperienza dei Falchi (IV Sezione investigativa Criminalità Diffusa) hanno pensato bene di fermarlo e controllarlo. L’uomo è subito apparso nervoso e questo ha convinto i poliziotti che avrebbero trovato qualcosa. Andando a fondo nelle verifiche infatti il 39enne è stato trovato in possesso di 10 dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, del peso di circa 8 grammi e la somma di 275 euro. La cocaina era nascosta nelle mutande. Come da prassi gli operatori hanno anche eseguito una perquisizione nell’abitazione dell’uomo che ha dato esito positivo. È stato infatti rinvenuto un significativo quantitativo di sostanza stupefacente, per un peso complessivo di circa 120 grammi, in parte suddivisa in dosi ed in parte ancora da frazionare, oltre alla somma di 1.000 euro, nonché materiale per il confezionamento e la pesatura.

L’uomo è stato pertanto tratto in arresto e tradotto in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria che nei giorni successivi ha convalidato la misura pre-cautelare.

Il controllo da parte della Polizia di Stato che ha portato al ritrovamento della cocaina si innesta in una più ampia azione sul territorio finalizzata a contenere e reprimere il fenomeno dell’illecita cessione di sostanze stupefacenti. Ricordiamo l’intensificazione delle azioni sul territorio, che il 19 marzo scorso ha portato a innumerevoli arresti soprattutto a seguito dell’operazione denominata “Locu”, che nel quartiere di San Cristoforo ha smantellato diverse piazze di spaccio storiche nella gestione del clan Cappello-Bonaccorsi. A capo dell’organizzazione criminale vi era Domenico Querulo, che praticamente diventato anche rifornitore di altre piazze di spaccio sotto il controllo anche di altri clan, come gli Arena, così come è emerso dalle carte dell’operazione Terzo Capitolo

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.