10 Aprile 2024

Uragani mediterranei, identificato un possibile precursore

Uragani mediterranei, identificato un possibile precursore

Un team di ricercatori degli atenei di Bari, Catania, Genova e Ca’ Foscari, del Cnr-Isac e dell’Amp Plemmirio ha identificato una riduzione nella temperatura del mare alcuni giorni prima dello sviluppo dei Medicanes.

Asec Trade S.r.l.

Le aree del Mar Mediterraneo interessate dalla formazione dei fenomeni naturali noti come uragani mediterranei o “Medicane” – dalla fusione dei termini inglesi MEDIterranean e hurriCANE – sono caratterizzate da una sensibile diminuzione di temperatura della superficie del mare qualche giorno prima della genesi di questi eventi estremi.

Lo rivela uno studio – dal titolo Fingerprinting Mediterranean hurricanes using pre-event thermal drops in seawater temperature – recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale “Nature – Scientific Reports” e coordinato dai ricercatori del Dipartimento di Scienze della Terra e Geo-Ambientali dell’Università Aldo Moro di Bari, svolto in collaborazione con il CNR-ISAC, gli atenei di Venezia Ca’ Foscari, Catania e di Genova e dell’Area Marina Protetta del Plemmirio di Siracusa.

La ricerca ha analizzato le temperature superficiali del Mediterraneo nei giorni precedenti la genesi di 52 differenti eventi di cicloni mediterranei avvenuti dal 1969 al 2023.

«Abbiamo selezionato tutti i cicloni con caratteristiche simil tropicali, che si sono generati nel Mediterraneo in un periodo di circa 50 anni, in confronto con i più intensi cicloni extratropicali che, nello stesso intervallo di tempo, hanno prodotto più danni lungo le aree costiere, ad esempio Vaia che nel 2018 ha avuto un forte impatto sulle coste settentrionali dell’Italia (oltre che sulle Alpi), ed Helios che nel 2023 ha causato ingenti effetti lungo le coste dello Ionio», spiega il dott. Giovanni Scardino, giovane ricercatore del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università di Bari.

«Per analizzare le temperature superficiali del mare, prima e durante lo sviluppo di ognuno degli eventi ciclonici, abbiamo utilizzato dati satellitari e modelli di rianalisi estratti dal servizio “Copernicus Marine Environment Monitoring Service” e da “European Centre for Medium-Range Weather Forecasts”», ha aggiunto il dott. Giovanni Scardino, primo autore della ricerca e vincitore di recente di un finanziamento di ateneo per lo studio dei Medicanes (progetto ERC SEED UNIBA dal titolo “Get aHead Of the MEdicanes: strategies for the COASTal environment – HOME-COAST).

«Analizzando le differenze di temperatura della superficie del mare, registrate nei dieci giorni precedenti la ciclogenesi, abbiamo riscontrato una importante diminuzione (tecnicamente definita Thermal Drop), fino a 4°C nei casi più estremi – continua il ricercatore -. Questa peculiarità sembra essere caratteristica quasi esclusiva dei medicanes. Il fatto che tale fenomeno si manifesti qualche giorno prima del loro sviluppo potrebbe essere una forma di precursore di tali eventi che potrebbe comportare importanti considerazioni relative alla mitigazione del rischio costiero indotto dall’impatto degli Uragani mediterranei»

Come spiega il Prof. Mario Marcello Miglietta, ordinario di Fisica dell’Atmosfera all’Università di Bari e associato di ricerca del CNR-ISAC (Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima), co-autore della ricerca,  «i medicanes sono un particolare gruppo di cicloni Mediterranei con caratteristiche simili ai cicloni tropicali e si sviluppano in seguito a forte instabilità baroclina, come i normali cicloni delle medie latitudini (o extratropicali), ma poi si intensificano a seguito della forte interazione tra aria e mare, come i cicloni tropicali».

«I risultati dello studio hanno mostrato un comportamento peculiare dei medicane, che, se confermato su un più esteso dataset, potrebbe rappresentare uno strumento utile alla previsione dei medicane con alcuni giorni di anticipo», ha aggiunto.

Lo studio è stato sviluppato nell’ambito delle attività di un progetto di Ricerca, finanziato all’interno del Pnrr, dal titolo ARCHIMEDE – MultidisciplinARy approaCH to better define vulnerability and hazard of MEDicanEs along the Ionian coasts of Sicily, di cui è responsabile il prof. Giovanni Scicchitano del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università di Bari.

«Importante sarà verificare l’efficienza e la validità del Thermal Drop su un numero maggiore di eventi, soprattutto per quello che riguarda i cicloni Extra tropicali – spiega il prof. Scicchitano -. Altro elemento importante di sviluppo sarà quello di coinvolgere un numero sempre maggiore di gruppi di ricerca che studiano i medicanes ed i cicloni mediterranei in generale».

«Per far questo abbiamo già sviluppato una piattaforma Web Gis pubblica, sulla quale sono stati inseriti tutti i dati che abbiamo utilizzato finora nonché i dati recentemente pubblicati da altri gruppi di lavoro – ha aggiunto -. L’intento è quello di sviluppare un sistema nel quale differenti gruppi di ricerca possano far confluire i loro dati e prelevarne altri che possano essere di loro interesse. Al contempo stiamo sviluppando un algoritmo di Intelligenza Artificiale capace, dall’analisi di parametri precursori quali il thermal drop e di dati fisiografici delle zone costiere, di definire in anticipo le aree che potrebbero essere maggiormente vulnerabili durante lo sviluppo di un medicane».

Nella stesura del lavoro Alfio Marco Borzì e Andrea Cannata del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche ed Ambientali – Sezione di Scienze della Terra dell’Università di Catania hanno collaborato nell’interpretazione dei risultati ricavati dalle diverse analisi condotte sui dati meteorologici e nella revisione del testo.

Lo studio è stato condotto da diversi ricercatori appartenenti all’Università di Bari (Giovanni Scardino, Gaetano Sabato, Alok Kushabaha e Giovanni Scicchitano), all’Università di Bari e al CNR-ISAC (Marcello Miglietta), all’Università di Venezia Ca’ Foscari (Elisa Casella, Alessio Rovere), all’Università di Catania (Alfio Marco Borzì, Andrea Cannata), all’Università di Genova (Giovanni Besio) e all’Area Marina Protetta del Plemmirio (Gianfranco Mazza) hanno mostrato come l’utilizzo dei dati satellitari inerenti le temperature superficiali del mare possono essere usate come precursore degli Uragani Mediterranei.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione