12 Agosto 2022

Catania, arrestato per corruzione cardiochirurgo Policlinico

Catania, arrestato per corruzione cardiochirurgo Policlinico

Sono stati arrestati con l’accusa di corruzione Carmelo Mignosa, primario di Cardiochirurgia del Policlinico Universitario “G.Rodolico – San Marco” di Catania e Valerio Fabiano, rappresentante legale di una società di prodotti medicali con sede nella provincia etnea.

Asec Trade S.r.l.

Le investigazioni, svolte dalle unità specializzate del Nucleo di Polizia economico- finanziaria della Guardia di finanza di Catania, hanno riguardato, in particolare, una procedura di gara, in atto, a evidenza pubblica che consta di 122 lotti – bandita dalla medesima Azienda Sanitaria per la fornitura di materiale specialistico di cardiochirurgia per un importo complessivo di circa 17 milioni di euro – in relazione alla quale il primario ricopriva anche il ruolo di presidente della commissione tecnica.

Sin dalle prime fasi d’indagine, sono emersi una serie di contatti e incontri del citato primario con alcuni imprenditori, tutti interessati all’aggiudicazione di uno o più lotti della predetta gara d’appalto, tra cui Fabiano.

I soldi erano stati consegnati in una busta da Fabiano, e conservati in uno zaino dal dottore Mignosa. Da questa circostanza sono state eseguite delle

Alla luce di tale circostanza, i finanzieri del Nucleo PEF di Catania, in coordinamento con il PM inquirente, hanno effettuato un intervento d’iniziativa, procedendo perquisizioni presso il Policlinico e, a seguire, presso l’abitazione del primario, all’esito delle quali sono stati rinvenuti 2 mila euro all’interno della busta recuperata dallo zaino, nonché ulteriori 21.400 euro nell’appartamento. Tali somme, pari a complessivi 23.400 euro, sono state sottoposte a sequestro.

Sia Mignosa che Fabiano, posti agli arresti domiciliari, hanno confessato e confermato il coinvolgimento di altri imprenditori.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione