25 Gennaio 2019

Crisi Venezuela, Maduro: “Siete dei pagliacci”

Dopo le manifestazioni in piazza la crisi del Venezuela vede Maduro alla riscossa, dal balcone del Palazzo presidenziale dice “Siete dei pagliacci, non mollo”.

Asec Trade S.r.l.

Maduro: “Non mollo pagliacci”

Nel discorso di inizio dell’anno giudiziario, il presidente Maduro ha tuonato contro gli oppositori del governo “Non rinuncerò mai, siete dei pagliacci”. Queste parole sono a seguito delle manifestazioni in piazza che hanno portato ad una crisi istituzionale nel paese sudamericano.

Gli scontri e la situazione nel Paese

Nella capitale Caracas e in altre città come Maracaibo una manifestazione ha portato a giurare Guaidò come presidente, che è stato riconosciuto da tanti paesi soprattutto dagli Stati Uniti. Gli scontri hanno portato 26 morti. Ora nel paese regna il rischio più che concreto della guerra civile.Tensione alle stelle a Caracas dopo le manifestazioni di piazza e gli eventi che hanno portato il leader dell’Assemblea nazionale Juan Guaidó a giurare da ‘presidente incaricato’ del Venezuela in un gesto che ha messo apertamente in discussione la legittimità di Nicolás Maduro e spaccato la comunità internazionale. Nel Paese dei due Presidenti ora regna l’incertezza e, soprattutto, lo spettro della repressione e di una dolorosa guerra civile.

Gli appoggi internazionali a Gaidò

Maduro ha intimato gli ambasciatori a lasciare il paese entro 72 ore. Dalla Casa Bianca fanno sapere di non ritirare i diplomatici, perché Maduro è considerato un dittatore. In questa prima fase di acuto scontro politico, a far pendere la bilancia a favore di Guaidó è stato il sostegno al massimo livello degli Usa di Donald Trump, emulati da gran parte dei Paesi americani e sostenuti anche da Francia e Gran Bretagna. Maduro ha, però, il favore della Forza armata nazionale bolivariana (Fanb), dell’Assemblea nazionale costituente (Anc) e del Tribunale supremo di giustizia (Tsj).

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione