27 Dicembre 2018

Babbo Natale sbaglia regali: un bambino di 9 anni chiama la polizia

Errore imperdonabile: Babbo Natale sbaglia regali… Ma come è possibile? Letterina attenzionata poco e letta di fretta o troppi doni da consegnare? Un bambino, insoddisfatto, decide di chiamare la Polizia per risolvere il problema.

Asec Trade S.r.l.

Chi sbaglia, paga!

Un bambino di 9 anni a Zetel, in Germania, dopo aver scritto accuratamente la sua letterina per Babbo Natale, ecco che riceve la triste sorpresa proprio il giorno più atteso dell’anno. La mattina di Natale, sotto l’albero, infatti, trova altri regali rispetto a quelli che aveva richiesto. Una volta scartati tutti i pacchi, arriva la delusione: nessun dono corrispondeva ai suoi desideri. Così, preso dall’ira, decide di porre rimedio allo sbaglio e chiama la Polizia. Un tentativo per provare a punire Babbo Natale?

L’intervento della Polizia

Amareggiato, deluso e infastidito, il bimbo di 9 anni prontamente chiama rinforzi. Gli agenti, approfittando di una giornata tranquilla, hanno deciso di stare al gioco e si recano a casa sua. Un portavoce, citato dal giornale Nordwest Zeitung, dice di averlo trovato molto arrabbiato, desideroso di spiegazioni.

regali sbagliati

Fonte Foto: balarm.it

L’analisi del caso

Confrontando la wish list del bambino con i regali ricevuti, la Polizia locale dà il suo verdetto e conclude che Babbo Natale ha commesso un grosso errore, confondendo addirittura la sua letterina con quella di un altro bambino. Gli agenti, così, sono riusciti a riportare la pace in famiglia, spiegando che è possibile sbagliare, anche perché Babbo Natale è piuttosto anziano.

La domanda che resta è la seguente: in virtù del detto “Chi sbaglia, paga“, chi dovrà rimediare all’errore e come verrà punito il colpevole? Noi di Free Press Online consigliamo ai genitori di acquistare nuovi doni per il bambino di 9 anni, possibilmente quelli richiesti nella sua letterina. Babbo Natale, si sa, può confondersi… ma i genitori no!

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione