11 Dicembre 2018

Strasburgo, spari in strada almeno 3 i morti al mercatino di Natale

Nella città francese di Strasburgo degli spari in strada hanno provocato almeno 3 morti e 11 feriti. Il bilancio è ancora provvisorio. L’attentatore è in fuga.

Asec Trade S.r.l.

Almeno 3 morti e 11 feriti

In un mercatino di Natale a Strasburgo in Francia sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco che hanno provocato 3 morti e 11 feriti. Il bilancio è ancora provvisorio. La notizia è stat riferita da Dernières Nouvelles D’Alsace.

Killer braccato dalla polizia si tratta di un “criminale comune” di 29 anni

Il municipio della città transalpina parla di un attentato terroristico. Il luogo della sparatoria si trova al centro di Strasburgo, che è stato blindato dalle forze dell’ordine. L’appello delle autorità per i cittadini è di non uscire da casa. Il raid è accaduto verso le 20. Secondo una prima ricostruzione, avrebbe agito un uomo in solitaria. Il luogo in cui sono stati sparati i colpi di arma da fuoco è la zona della rue des Grandes-Arcades.

Sfugge ai controlli e scappa

È stato identificato l’uomo, che ha sparato sulla folla intorno alle 20 nel centro della città. Si tratta di Cherif C., di 29 anni, di origine nordafricane ma francese di nascita e radicalizzato. Subito dopo l’attentato, l’uomo in fuga e ferito  si è rifugiato in un quartiere al sud della città. Un blitz della polizia con circa 350 uomini è stato organizzato per catturare il terrorista. Questo però è riuscito a sfuggire ai controlli e a scappare. Le forze dell’ordine pensano che non abbia agito da solo nell’attacco.

Forse si è rifugiato in Germania

Qualche ora prima dell’attentato la polizia francese ha trovato nell’abitazione del terrorista del materiale esplosivo. Le autorità francesi hanno intanto fermato il padre, la madre e il fratello di Cherif Chekatt, attentatore. Da quanto riportato sul giornale tedesco Bild l’uomo potrebbe essere fuggito in Germania dove avrebbe degli appoggi logistici a disposizione.

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione