23 Novembre 2018

Dolce e Gabbana gate Cina: arrivano le scuse per lo spot pubblicitario

Dolce e Gabbana gate Cina: dopo lo spot pubblicitario, ecco che arrivano le scuse per la Cina. Tentativo di conciliazione mirato a non perdere un aggancio importante?

Asec Trade S.r.l.

Dolce e Gabbana gate Cina: la risposta degli stilisti

Arrivano le dovute scuse da parte dei due stilisti, dopo le polemiche infinite con la Cina e la cancellazione della sfilata di D&G prevista a Shangai (per saperne di più, Clicca Qui). Perdere un aggancio del genere per Dolce e Gabbana sarebbe stato un duro colpo… anche economico. Meglio, così, fare un passo indietro e ammettere i propri sbagli. Si sa, se qualcosa infastidisce, meglio porre rimedio ed evitare ogni genere di polemica, soprattutto nel mondo della moda che non ammette errori.

Le scuse da parte di Domenico Dolce

Nel video di scuse, girato con Stefano Gabbana, Domenico Dolce si è sentito in dovere di esprimere tutto il suo rammarico per una situazione che da lui non era affatto voluta. Ecco cosa ha detto: “In questi giorni abbiamo pensato moltissimo e con grande dispiacere a quello che è successo. Le nostre famiglie ci hanno insegnato il rispetto per le altre culture e per questo vogliamo chiedervi scusa se abbiamo commesso errori nell’interpretare la vostra. Siamo sempre stati molto innamorati della Cina, amiamo la vostra cultura e certamente abbiamo ancora molto da imparare. Ci scusiamo se abbiamo sbagliato nel nostro modo di esprimerci“.

Dolce e gabbana

Stefano Gabbana rinnova le scuse anche da parte sua

Stefano Gabbana si aggiunge alle scuse e nello stesso video afferma: “Vogliamo chiedere scusa a tutti i cinesi del mondo. Faremo tesoro di questa esperienza. Non succederà mai più, anzi proveremo a fare di meglio“.

A chiudere il video, sono delle scuse in lingua cinese da parte di entrambi gli stilisti. Il passo in avanti da D&G è stato fatto… ora tocca alla Cina concedere il “perdono” e dare nuovamente la possibilità di sfilare a Shangai.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione