01 Novembre 2018

Gabriel García Márquez riscatto nipote, quando riaverla costa 5 milioni

Gabriel García Márquez riscatto nipote: i rapinatori tornano di nuovo all’attacco e chiedono 5 milioni di dollari per riaverla indietro. Le indagini, intanto, proseguono e si tenta di individuare i sequestratori.

Asec Trade S.r.l.

Cosa era successo?

Gabriel García Márquez è il famoso autore del romanzo Cent’anni di solitudine, vincitore del Premio Nobel per la Letteratura. Lo scrittore è scomparso nel 2014. La nipote di Gabriel García Márquez era stata sequestrata da uomini armati lo scorso 23 agosto in una zona rurale di Santa Marta, in Colombia. La ragazza di 34 anni, Melissa Martinez García, era amministratrice in quel posto di una fattoria ed è la figlia di Jaime García Márquez, fratello del noto scrittore.

Gabriel García Márquez riscatto nipote: i risvolti attuali

Le autorità colombiane hanno oggi annunciato nuovi risvolti sulla vicenda. Pare che i rapinatori avrebbero chiesto 5 milioni di dollari in cambio della nipote. Il generale Fernando Murillo, capo della Direzione Antisequestro della Polizia, ha affermato: “Stiamo seguendo la vicenda con un gruppo speciale. È un caso che si presenta abbastanza difficile. Comunque, nei due unici contatti telefonici realizzati, i rapinatori hanno confermato di volere cinque milioni di dollari di riscatto“.

La ricompensa è alta per chi fosse in grado di dare informazioni precise per localizzare i sequestratori: “Per il momento stiamo offrendo fino a 100 milioni di pesos (circa 33.000 dollari). In base alle circostanze di quanto accaduto, riteniamo che si tratta di delinquenti comuni“.

Gabriel García Márquez riscatto nipote

Fonte Foto: radiomagdalena1420am.com

I rapimenti in Colombia

Le gang criminali in Colombia, da anni, si “finanziano” in questo modo: chiedono dei riscatti notevoli alle famiglie interessate dai sequestri. Questa situazione ha alimentato i gruppi paramilitari dell’estrema destra e i guerriglieri di sinistra. Nel 2017, infatti, ben 193 sequestri sono stati denunciati. Nel 2016 le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc), dopo addirittura 50 anni, hanno deciso di deporre le armi. La guerra, però, è costata cara: si contano circa 220 mila morti. Circa 7000 guerriglieri si sono ritirati un anno fa e 4600 hanno testimoniato davanti al JEP e 1800 governativi sono stati coinvolti nella violazione dei diritti umani.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione