09 Ottobre 2018

Bizzarre tendenze: impazza la moda della cacca colorata glitter

Un mondo colorato, vivace, glitterato: in tutto e per tutto. Anche troppo forse. La novità del momento è la cacca colorata glitter, grazie a delle piccole pillole da ingerire.

Asec Trade S.r.l.

Un mondo colorato a 360°

Avete mai sognato o desiderato fare la cacca colorata glitter? No? Eppure la moda del momento vuole la circolazione sempre più diffusa di queste pillole magiche, capaci di rendere piacevole agli occhi, qualcosa che solitamente non ha proprio un bell’aspetto. Sembrerà sicuramente una moda alquanto bizzarra, eppure non mancano gli acquisti. “Sh*tGlitter”, così chiamata in rete, può essere acquistata online da diversi rivenditori e siti di acquisti, tra cui Amazon per un costo che si aggira intorno ai 7 euro.

glitter pills

Perché voler fare la cacca colorata?

Il motivo? Beh, non siamo riusciti a trovarlo neanche noi. Anche se, alcune ipotesi sono legate al modo in cui viviamo e condividiamo con il mondo esterno qualunque tipo di notizia o evento che ci riguarda. Fare sapere cosa mangiamo, dove andiamo, cosa acquistiamo: ormai è ordinaria routine. Dunque potrebbe essere questo ciò che spinge i giovani verso questa tendenza? L’idea di poter fotografare e condividere qualcosa che solitamente non ha un bell’aspetto? Chi lo sa, attendiamo pareri dai voi lettori di Free Press Online.

Un attacco sociale al mondo del lusso

C’è da dire, che la moda delle feci colorate, non è neppure tanto una novità. Già da tempo infatti idee simili circolano nel mondo. Tempo fa la moda delle feci in oro ha contagiato gli amanti del lusso. Una pillola placcata in oro, riempite con pepite di 24 carati, capace di rendere eleganti i movimenti intestinali.

cacca oro

Il tutto alla ‘modica’ cifra di 425 dollari. Gli inventori? L’artista Tobias Wong e Ken Courtney, fondatore di Just Another Rich Kid, un marchio di abiti, hanno ideato la pillola dorata nel 2005. In questo caso il fine è un altro: un “attacco sociale” al mondo del lusso.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione