16 Giugno 2024

Una vittoria a metà le elezioni europee

Una vittoria a metà le elezioni europee

Per l’associazione Le partite Iva le elezioni europee sono una vittoria a metà

 

Tutti i partiti esultano per il grande risultato elettorale raggiunto, comparando i risultati con le precedenti elezioni, ma nessuno parla della triste percentuale di siciliani che non ha espresso nessuna preferenza dentro le urne, ma ha detto chiaro e tondo che, tra la politica e i cittadini, esiste una spaccatura che conta oltre il 50% del popolo siciliano.

Chiusi nei palazzi o in congedo per cercare i voti, i politici eletti all’Assemblea Regionale Siciliana non prendono nessuna iniziativa legislativa, tra l’altro nelle materie in via esclusiva, così migliaia di cittadini sono senza acqua da settimane e l’agricoltura e la zootecnia devono fare i conti con l’arrivo del caldo.

Gli annunci tipici della campagna elettorale promettono soldi a destra e a manca, ma in tutto questo tempo almeno un provvedimento risolutorio non è stato adottato.

Il vero risultato delle europee è che i siciliani si sentono abbondonati dalle istituzioni perché il dibattito politico non ha affrontato i veri temi della campagna elettorale, tra cui il nuovo patto di stabilità che non promette niente di buono.

Il vero plebiscito è che l’Italia meridionale e quella insulare non si sente rappresentata da nessun partito, soprattutto adesso che, forti di questa vittoria, procederanno spediti verso l’autonomia differenziata.

La politica deve riflettere sul fatto che è rimasta orfana del consenso popolare di coloro che si sono astenuti perché la loro voce non viene ascoltata, invece di festeggiare un consenso che non rappresenta una piccola percentuale degli aventi diritto.

 

Maria Francesca Briganti

Coordinatore per la Regione Siciliana dell’Ass.ne Le Partite Iva

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato capo dell'Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.