24 Maggio 2024

Virdimura, la prima medichessa raccontata da Simona Lo Iacono

Virdimura, la prima medichessa raccontata da Simona Lo Iacono

Virdimura, un personaggio senz’altro affascinante e raccontato in modo magistrale. Tra rigorosa ricerca storica ed adattamento romanzesco, Simona Lo Iacono, scrittrice affermata, narra sapientemente da sempre l’universo femminile, di ogni epoca

Asec Trade S.r.l.

“Virdimura” è il titolo della sua ultima opera, dedicata ad una donna che nel 1300, infranse tutte le sedimentate e rigide regole maschiliste. Riuscì ad essere autorizzata, con la licenza curandi, massimo riconoscimento per gli uomini ebrei, ai quali era proibita la frequentazione delle università, ad esercitare l’arte medica.

Figli e moglie di medico, chirurga provetta. Dopo essersi impratichita con la dissezione dei cadaveri, esperta di medicine e di terapie, si dedicava gratuitamente ai malati. I così detti pazienti “fragili”.

Figura storica, catanese, ma ben poco conosciuta

Simona Lo Iacono restituisce spessore umano, scientifico e spirituale a Virdimura. Una donna proiettata verso il futuro e verso il prossimo

Il libro della magistrata-scrittrice è stato presentato nei giorni scorsi al Casale dell’arte, grazie all’ospitalità della padrona di casa, Gabriela Scibilia. Su iniziativa del Rotary San Gregorio di Catania-Tremestieri Etneo, della Societas Artis. Presiedute dalla professoressa Cinzia Torrisi, dall’U.C.I.I.M di Tremestieri, presidente Agata Pennisi.

Le parole di Cinzia Torrisi

“Un’autrice ed una protagonista che parlano al pubblico di ogni tempo e sono testimonianza di esperienze di vita, di professione e di amore che rendono attuale e sempre autentico l’assunto che l’amorevole attenzione alla persona nella sua interezza sia imprescindibile per la formulazione di una diagnosi corretta e per la somministrazione di cure efficaci.

Virdimura curava e cercava gli ultimi degli ultimi, con la forza della scienza e dell’amore, lungo quel sottilissimo confine che separava la medicina dalla stregoneria”.

Soddisfatta per la numerosa e partecipata presenza del pubblico, Gabriela Scibilia, per la quale il Casale dell’arte è un naturale contenitore di cultura, storie e di emozioni.

Potrebbe interessarti: Un’altra Salomè, spettacolo teatrale di Saro Minardi

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato capo dell'Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.