23 Maggio 2024

San Giorgio, aggredisce la moglie

San Giorgio, aggredisce la moglie

A San Giorgio un 41enne pregiudicato: “Arrestatemi o l’ammazzo”. La compagna aveva chiamato i Carabinieri dopo l’ennesima aggressione.

Sono stati momenti di tensione quelli vissuti nel quartiere San Giorgio, presso un’abitazione al secondo piano, dove un pregiudicato 41 enne del posto, venditore ambulante, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia.  La donna chiama al 112 per una richiesta d’aiuto. Il compagno urlava e minacciava la compagna da dietro un cancelletto di ferro posto a protezione dell’ingresso.

L’uomo era andato via di casa, al termine dell’ennesima lite, sfociata poi in un episodio di violenza nei confronti della donna.  Dopo qualche ora era ritornato pretendendo di rientrare a tutti i costi. Quando la pattuglia è arrivata, si è così imbattuta nel 41 enne che, estremamente agitato, stava gridando contro tutti i presenti.

Anche alla vista dei militari, l’uomo non si è calmato, anzi ha iniziato a dare pugni e calci al muro della palazzina, urlando: “arrestatemi oppure l’ammazzo”. Tale situazione è durata solo pochi secondi, perché poi l’uomo è stato subito bloccato e messo in sicurezza dai militari.

Le vessazione, racconta la donna ai militari duravano da anni. In casa, in effetti, i Carabinieri hanno trovato inequivocabili tracce di violenza come mobili e soprammobili in frantumi che lui le avrebbe scagliato contro.

Accompagnata in caserma, la signora ha potuto sporgere querela. La donna ha raccontato che in diverse occasioni, lui l’avrebbe picchiata con schiaffi e pugni, offendendola anche dinanzi ai loro figli. Poi anche le  minacce di morte.. La donna, aggiungeva di aver fatto installare il cancello in ferro, dopo mesi di reiterate minacce di morte.

Sulla base di tutti gli elementi di prova raccolti, l’uomo è stato arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ne ha convalidato l’arresto, è stato condotto presso il carcere di Catania Piazza Lanza.

Potrebbe anche interessarti: Aggressione a Belpasso perché non cambia le lenzuola

redazione

redazione