06 Maggio 2024

La veranda abusiva scatena la vendetta di una condomina

La veranda abusiva scatena la vendetta di una condomina

Una lite condominiale per una veranda abusiva fa scattare la vendetta di una condomina che danneggia auto e getta candeggina dal balcone

Asec Trade S.r.l.

L’assemblea condominiale gli nega il permesso per l’istallazione di una veranda e allora scatta la vendetta. La donna medita vendetta contro i suoi coinquilini e mette in atto un piano distruttore di auto e vestiti. Ad intervenire i poliziotti del commissariato Borgo Ognina che hanno denunciato la 52enne per una serie di danneggiamenti.

La denuncia arriva da un condomino esasperato che aveva subito il danneggiamento della sua auto all’interno del posteggio interno al palazzo. In tre distinte occasioni, infatti, l’uomo aveva trovato dei profondi solchi su entrambe le fiancate dell’auto, realizzati verosimilmente con un oggetto appuntito.

Dagli accertamenti effettuati dagli agenti è emerso che anche altri condomini, nell’ultimo periodo, avevano subito danneggiamenti alle proprie auto. Due di loro hanno dichiarato di aver trovato più volte le loro autovetture con tagli lungo le fiancate e vistosamente ammaccate sul tetto,  sul parabrezza e sul cofano anteriore in seguito al lancio di pietre da un balcone del palazzo. Gli stessi condomini hanno riferito ai poliziotti che più volte, dagli ultimi piani della palazzina, era stata lanciata intenzionalmente della candeggina che aveva rovinato tutti gli indumenti stesi.

Una veranda abusiva il motivo del contendere

Dalle informazioni acquisite i poliziotti hanno accertato la sussistenza di rapporti conflittuali tra alcuni condomini.  Tutte le persone coinvolte nei danneggiamenti avevano avuto alcune discussioni con una donna, residente all’ultimo piano del palazzo. Il motivo del contendere era la mancata autorizzazione all’istallazione di una veranda sul balcone da parte dell’assemblea condominiale. Attraverso dei filmati di una telecamera appositamente installata all’interno del condominio, la donna è stata sorpresa mentre graffiava con una chiave un’auto parcheggiata all’interno dell’area condominiale.

Potrebbe anche interessarti: Lite in strada tra donne, accoltella la sorella

 

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.