06 Maggio 2024

Acireale, divieto di avvicinamento per il compagno violento

Acireale, divieto di avvicinamento per il compagno violento

Il Gip del Tribunale di Catania ha disposto il divieto di avvicinamento per un 36enne di Acireale, violento nei confronti della compagna

Asec Trade S.r.l.

 

Sin dall’inizio della convivenza una donna catanese di 26 anni sopportava ingiurie e maltrattamenti dal suo compagno, un 36enne  originario di Acireale. In sette anni la vittima era sottoposta a minacce di morte accompagnate da eccessi d’ira. Tanti gli episodi di aggressioni fisiche e verbali, anche in presenza dei tre figli in tenera età della coppia. La giovane decide così di interrompere la relazione. La decisione però non viene accettata dall’uomo che inizia a minacciare anche i suoi con messaggi vocali gravemente incombenti per l’incolumità dalla donna.

Il trasferimento in Toscana e le minacce alla madre

Drasticamente decide di trasferirsi in Toscana presso alcuni familiari in modo da acquistare serenità. L’uomo però si è anche presentato a casa della madre di lei, cercando di intimidirla, per carpire informazioni sul luogo preciso dove si trovasse.  La vittima, rientrata in Sicilia nei primi giorni di aprile, aveva poi accordato la richiesta telefonica dell’ex di vedere i figli, con l’accorgimento di organizzare tale incontro in sua assenza presso l’abitazione di sua madre. In qualche modo, però, il 36enne, dopo visto i figli, era riuscito ad individuare e raggiungere la donna nei pressi di una chiesa, minacciandola ripetutamente peraltro in presenza di altre persone.

Il divieto di avvicinamento

Tali condotte sono state riscontrate compiutamente e comunicate dai militari dell’Arma all’Autorità Giudiziaria che, ha disposto nei confronti del 36enne il divieto di avvicinamento alla persona offesa, ai suoi prossimi congiunti, né al luogo di lavoro ed agli altri luoghi da costoro abitualmente frequentati, e di mantenere da questi ultimi, dalla loro abitazione e dai detti luoghi una distanza di almeno cento metri, con assoluto divieto di comunicare in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo con la persona offesa e con i suoi familiari.

 

Potrebbe anche interessarti: Ospedale di Acireale, protesta dei dipendenti sulla gestione del parcheggio

redazione

redazione