02 Maggio 2024

Protocollo d’intesa tra Siulp e Banco Alimentare

Protocollo d’intesa tra Siulp e Banco Alimentare
Con questo accordo verranno implementate raccolta e distribuzione di generi alimentari e le azioni di sensibilizzazione agli studenti nel contrasto allo spreco alimentare
Sostenere le famiglie in difficoltà e diffondere la cultura del contrasto allo spreco alimentare. Questi i principi del Protocollo d’Intesa che è stato sottoscritto pochi giorni fa a Caltanissetta.

Cosa sancisce il Protocollo?

L’obiettivo è quello di implementare le attività connesse alla distribuzione del cibo, alla diffusione della cultura del dono e della solidarietà tra le nuove generazioni. Firmato da Pietro Maugeri, presidente di Banco Alimentare della Sicilia ODV, e Massimiliano Occhipinti segretario generale provinciale del Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia (SIULP).

Condivisione e collaborazione, questo il terreno comune del protocollo

“Non avere fame ci permette di essere liberi – dichiara Pietro Maugeri, presidente di Banco Alimentare della Sicilia ODV -. Ci permette di scegliere dove e come convogliare forze e pensieri per trovare un posto in questa società. Per questo siamo felici di aver stretto una nuova sinergia con il SIULP che ci permetterà di estendere la nostra operatività nel territorio nisseno”.

Esserci per il territorio

Il Protocollo si animerà di iniziative come il progetto nelle scuole dal titolo “Orange Days”. Proprio in questi giorni ha coinvolto nuovi studenti nisseni per sensibilizzarli alla cultura del dono e della solidarietà.

Gli incontri saranno condotti da Francesco Gianluca Cottone, per il Siulp, e Carla Maria Milisenna, per Banco Alimentare della Sicilia.

“Siamo contenti di poter avviare questo progetto di sensibilizzazione nelle scuole – afferma Massimiliano Occhipinti, Segretario Generale Provinciale Siulp Caltanissettaperché riteniamo che educare i giovani ai valori della solidarietà e della condivisione sia fondamentale per la costruzione di una società più giusta e inclusiva”.
Ultimo aggiornamento

redazione

redazione