24 Aprile 2024

Comune di Catania e AMTS per la mobilità sostenibile

Comune di Catania e AMTS per la mobilità sostenibile

Presente il viceministro delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili, Galeazzo Bignami, in occasione del convegno nazionale sul tema: “Mobilità: storia e prospettive di sviluppo per benefici sostenibili”.

Asec Trade S.r.l.

“Catania è sempre stata un esempio per la mobilità sostenibile, con tentativi ambiziosi che, nel tempo, si sono concretizzati, divenendo esempi virtuosi. Penso alla sede di AMTS alla zona industriale, dove mi recherò nel pomeriggio, per prendere visione degli impianti fotovoltaici che sono stati realizzati, contemporaneamente alla conversione della flotta con vetture elettriche, a dimostrazione che la sostenibilità ecologica è possibile, unita alla sostenibilità economica e sociale”.

Un appuntamento che si inserisce nel più ampio programma delle celebrazioni del 60° anniversario della nascita dell’Azienda Metropolitana Trasporti e Sosta S.p.A. Catania, fondata nel 1964 e che da allora è parte attiva e integrante della vita del capoluogo etneo.

“Sono lieto – ha aggiunto il viceministro Bignami – di prendere parte al compleanno di questa storica azienda della città. Voglio ricordare che questo Governo ha sempre messo al centro della propria agenda il tema della sostenibilità ambientale”.

E sempre il viceministro ha ricordato come lo sviluppo sia possibile anche attraverso una rete intermodale, ad esempio sfruttando le stazioni ferroviarie presenti in città, che darebbero ulteriore spinta al trasporto pubblico locale.

“Vogliamo costituire un tavolo permanente sul tema della mobilità, perché sia sempre più forte la sinergia tra tutti gli attori protagonisti – ha detto il sindaco di Catania, Enrico Trantino. – Ci sentiamo confortati dalla presenza del viceministro Bignami a Catania, con cui parleremo dei nodi infrastrutturali che riguardano il capoluogo etneo. Credo che la città abbia compreso che la mobilità sostenibile non è solo un concetto predicato, ma già praticato da noi. Dobbiamo inevitabilmente apportare correttivi e miglioramenti. In passato c’è stata forse un po’ di pigrizia nel considerare nuove forme di mobilità che non fossero il mezzo privato. Dobbiamo invece individuare soluzioni, molte naturalmente a lungo termine, che possano collegare tutta la fascia extraurbana. I 60 anni di AMTS sono un grande traguardo per l’Azienda, che negli ultimi anni ha recuperato il tempo perduto”.

“Il progetto ambizioso di questa giornata non è solo quello di avviare le celebrazioni del 60° anniversario, ma anche quello di confrontarci sulle tematiche della mobilità sostenibile – ha sottolineato l’amministratore unico di AMTS, Giacomo Bellavia. – Un tema concreto, di cui ci occupiamo giornalmente, immaginando miglioramenti continui, nuove infrastrutture e prospettive di sviluppo metropolitano nel contesto dell’Isola, cercando di potenziare sempre più la mobilità, anche con servizi integrati. Da qui, l’invito all’incontro con altre grandi realtà italiane, come Roma, Napoli, Milano. Ma anche il coinvolgimento di settori come il trasporto su ferro, oltre che su gomma, con nuove possibilità di sviluppo intermodale: pensiamo alle stazioni ferroviarie presenti in città e che potremmo sfruttare al massimo. Oggi raccogliamo sfide molto importanti – ha aggiunto Bellavia – per tracciare un reale percorso di cambiamento. Tante cose sono già state realizzate, come il rinnovamento e la conversione della flotta, l’efficientamento energetico, i servizi di digitalizzazione e l’innovazione tecnologica nella bigliettazione e nella sosta, solo per citarne alcune. Altre sfide sono poi da portare avanti”.

Numerosi, dopo i saluti istituzionali, sono stati gli interventi tecnici della prima sessione di lavori, coordinati dal direttore generale di Agens, Fabrizio Molina.

redazione

redazione