23 Aprile 2024

Adrano, armi e droga in due auto abbandonate

Adrano, armi e droga in due auto abbandonate

Ad Adrano la scoperta delle armi e della droga è avvenuta per una segnalazione di spari in uno slargo nei pressi del mercato ortofrutticolo.

Asec Trade S.r.l.

I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Adrano, della Squadra Mobile di Catania e della Polizia Scientifica, hanno trovato delle pistole e della droga nascoste in due auto abbandonate nei pressi del mercato ortofrutticolo. le ricerche sono scattate a seguito di segnalazioni di colpi di pistola sparati da ignoti.

Sul posto la Polizia ha trovato, accanto ad alcune autovetture aperte e in stato di abbandono,  un bossolo esausto calibro 7.65 browning. Pertanto i poliziotti hanno proceduto ad ulteriori approfondite verifiche. All’interno di un’autovettura, vi era un barattolo di vetro trasparente contenente 250 grammi circa di cocaina, una cartuccia cal 7.65 browning, un bilancino di precisione funzionante e un involucro di carta alluminio contenente marijuana.

All’interno di un’altra autovettura, anch’essa aperta e in totale stato di abbandono, è stato trovato uno zaino di colore nero contenente 350 grammi di marijuana,  un revolver calibro 5.7 a tamburo, privo di marca, matricola o punzonatura. All’interno dell’auto vi erano anche 42 cartucce calibro 6.35, un revolver calibro 320 privo di marca, matricola o punzonatura, 13 (tredici) cartucce calibro 7.65 Browning e una pistola semiautomatica cal. 7.65 browning, con matricola asportata poiché tagliata, con colpo in canna, munita di caricatore contenente altre 4 cartucce calibro 7.65 browning.

Altri controlli sono stati effettuati ad un ciclomotore con pedalata assistita presente sul posto. All’interno del bauletto i poliziotti hanno recuperato due involucri di carta di alluminio contenenti sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Sono in corso le indagini per risalire al contesto di riferimento, individuare gli eventuali autori degli spari e la riconducibilità delle armi e dello stupefacente sequestrati a carico di ignoti

redazione

redazione