21 Aprile 2024

Ancora due locali pubblici chiusi per precarie condizioni igieniche

Si tratta di un ristorante peruviano e di una gastronomia cinese chiusi dopo l’operazione congiunta di Polizia di Stato e Polizia locale

Asec Trade S.r.l.

 L’operazione risale a venerdì pomeriggio, ma la notizia è stata resa nota solo oggi. I poliziotti del Commissariato di P.S. San Paolo, con l’ausilio di personale dell’UPGSP e della Polizia Municipale, hanno infatti svolto un servizio di controllo straordinario del territorio nella zona di competenza. Insieme all’ASL-SIAN hanno, inoltre, proceduto alla verifica del rispetto delle normative attinenti alle condizioni igieniche presenti all’interno di alcuni locali commerciali.

L’attività si è in particolare concentrata su cinque esercizi commerciali, ricompresi nell’area pedonale di via Di Nanni, estendendosi anche al quartiere Pozzo Strada.

Durante il controllo di un ristorante peruviano, sono state riscontrate gravi carenze igienico sanitarie che non garantivano un sufficiente livello di sicurezza alimentare, in particolare pessime condizioni di pulizia e sporcizia diffusa in prossimità delle attrezzature di preparazione degli alimenti, pareti e soffitto anneriti, servizi igienici ad uso del personale in pessime condizioni. A seguito della situazione riscontrata è stata decretata dal SIAN l’immediata chiusura dell’attività, fino al ripristino delle previste condizioni igieniche, con sanzione di 2000 €. La Polizia Municipale accertava, inoltre, la mancata esposizione dell’autorizzazione comunale, elevando un’ulteriore sanzione da 1000 €.

Anche in un altro esercizio commerciale. una gastronomia gestita da cittadini cinesi, il personale di polizia riscontrava fin da subito che i locali dedicati alla preparazione degli alimenti si presentavano in pessime condizioni, con presenza di sporcizia diffusa e cappa malfunzionante in quanto parzialmente occlusa da grasso. Inoltre, veniva riscontrata la presenza di infestanti nel laboratorio e in un locale adibito a deposito. Per tali motivi, anche per la gastronomia veniva decretata l’immediata chiusura sino al rispristino delle condizioni igieniche previste, e una sanzione di 2000 €.

Nel corso dell’attività i poliziotti hanno identificato 95 persone e controllato 13 veicoli.

Ultimo aggiornamento

freepressonline

freepressonline