20 Aprile 2024

Bando Sicilia che ci piace 2024 per privati, associazioni, enti locali

Bando Sicilia che ci piace 2024 per privati, associazioni, enti locali

Tre avvisi previsti nel bando per sostenere diversi settori produttivi. Domande dal 3 al 16 maggio

Asec Trade S.r.l.

L’assessorato regionale delle Attività produttive ha emanato il bando “Sicilia che piace 2024” con tre avvisi, per sostenere le imprese dei settori agroalimentare, artigianato, nautica ed economia del mare, lapideo e sistema casa, moda e oreficeria, tecnologie dell’informazione e della comunicazione, meccatronica.

Emanato il bando Sicilia che piace 2024Forte dell’esperienza dell’anno scorso, il dipartimento ha riproposto, con una dotazione finanziaria complessiva di 1,3 milioni di euro, la misura rivolta alle piccole realtà presenti nell’Isola che puntano alla crescita economica locale e alla diversificazione dell’offerta di prodotti e servizi, contribuendo a un impatto significativo sulle comunità in cui operano.

Il primo è rivolto alle aziende private e prevede 600 mila euro per microimprese, rappresentanti legali, distretti produttivi e centri naturali commerciali; il finanziamento massimo per ogni progetto non potrà superare l’importo di 25 mila euro (iva compresa).

 

CLICCA PER L’AVVISO PER PRIVATI E IMPRESE

Il secondo avviso da 300 mila euro servirà a finanziare associazioni di categoria ed ex onlus, proposte che potranno ricevere massimo 20 mila euro ciascuna.

CLICCA PER L’AVVISO PER ASSOCIAZIONI

Il terzo avviso è rivolto agli enti locali siciliani, anche in forma associata, destinando 400 mila euro per finanziare ciascuna iniziativa con un massimo di 10 mila euro in conto capitale.

CLICCA PER L’AVVISO PER ENTI LOCALI

QUALI SONO I SETTORI ESCLUSI DAL BANDO

Sono escluse le iniziative inerenti il settore della produzione primaria dell’agricoltura, della pesca, dell’acquacoltura e il settore del turismo, che non rientrano negli ambiti di competenza dell’assessorato delle Attività produttive. Sono, inoltre, escluse le iniziative che riguardano i prodotti dell’agroalimentare, anche se trasformati, i cui marchi sono sottoposti a tutela da parte di un consorzio riconosciuto (prodotti Doc, Docg, Igt, Igp, Dop e Stg), in quanto oggetto di specifici interventi di sostegno, valorizzazione e internazionalizzazione da parte dell’assessorato dell’Agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca.

I tre avvisi saranno gestiti sulla piattaforma telematica; per partecipare al bando bisogna inviare domande dal 3 al 16 maggio 2024.

*articolo correlato: Il concorso della Guardia di Finanza per titoli ed esami

Simona D'Urso

Simona D'Urso

Giornalista sin dai primi passi al liceo, poi all’interno della facoltà di Lettere moderne, quindi nella vita di tutti i giorni, ha fatto di questa professione il suo motto: conoscere per sapere, sapere per vivere meglio. Iscritta all'Ordine nazionale dei Giornalisti, è specializzata negli Uffici stampa, ma la cronaca ha il suo fascino.