16 Aprile 2024

Il sindaco Nino Naso e i favori a metà al clan Laudani

Il sindaco Nino Naso e i favori a metà al clan Laudani
Dalle carte dell’inchiesta Athena emergono favori del sindaco Nino Naso a Vincenzo Morabito e non a Natale Benvegna. Il clan però si compatta su Turi Comis assessore.

Natale Benvegna, esponente del clan Laudani a Paternò, nella sala da barbiere di Turi Comis inizia a progettare le elezioni del 2022. In una intercettazione del 19 marzo 2021 Benvegna benedice la candidatura di Comis, lanciando lo slogan: “Vota e fai votare Turi Comis, altrimenti gli scoppiamo le ruote delle macchine”. Comis accetta rispondendo: “Natale, non ti deluderò lo sai”. Nino Naso non ha le simpatie di Benvegna, tanto che l’8 aprile del 2021, sempre nella stessa sala da barbiere dice: “Questo cornuto (riferendosi a Naso), lo dobbiamo fare andare”.  Benvegna non vuole appoggiare Naso alle prossime ed imminenti elezioni del 2022 perché a suo dire non lo avrebbe favorito per sua nipote, quindi, andrebbe candidato come sindaco Turi Comis, per togliere voti al sindaco uscente.

Asec Trade S.r.l.

Ad appoggiare invece la candidatura per la rielezione a sindaco di  Naso sono Pietro Cirino, assessore, e Vincenzo Morabito, boss del clan Laudani a Paternò. Quest’ultimo chiese al sindaco dei posti di lavoro nella “spazzatura”. Il colloquio avviene in un magazzino di Cirino e  dopo tre mesi alla Dusty vengono assunti a tempo determinato come operatori ecologici, con contratto  ripetutamente rinnovato sino al 30.10.2023, sia Giuseppe Michael Vinciullo, figlio di Vincenzo, storico esponente del clan Morabito-Rapisarda, che Vincenzo Alberto Sammartino, fratello di Rosario – arrestato insieme a Salvatore Assinnata e ad altri componenti del clan, nell’ambito dell’ operazione “Assalto” e cognato di Salvatore Emanuele Pennisi.

Cirino e Morabito da un lato e Benvegna dall’altro, così come emerge da una serie di colloqui, intercettati dai Carabinieri, si compattano per sostenere Naso. Il nodo da sciogliere è Turi Comis, convinto alla fine ad appoggiare il sindaco. Quest’ultimo nell’azzeramento e rinnovo della giunta, nomina assessori Pietro Cirino, che con il suo gruppo (Paternò2.0) passa alla maggioranza, e Comis a cui vengono date le deleghe allo Sport Spettacolo, Polizia Municipale Viabilità e Randagismo. Nelle elezioni però a Comis, che si candida come consigliere, non scatta il seggio, nonostante l’appoggio anche di Pennisi Emanuele Salvatore Pennisi, Carmelo Oliveri e Salvatore Chisari. Ma al Comune entra lo stesso perché Naso gli conferma gli assessorati precedentemente ricoperti, aggiungendo le deleghe alle Attività Produttive, Politiche Agricole ed Imprenditoriali e Manutenzione Impianti, settori di particolare interesse sia per Cirino che per il Benvegna.

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.