09 Aprile 2024

Mascali, irregolarità in un panificio

Mascali, irregolarità in un panificio

I Carabinieri in un panificio aa Mascali hanno accertato diverse irregolarità nel programma di sorveglianza sanitaria dei dipendenti.

Asec Trade S.r.l.

Al riguardo, durante la verifica ispettiva in un panificio, i militari  hanno accertato che la titolare, una 48enne catanese, ha omesso di sottoporre i dipendenti alla visita medica preventiva e periodica, previste dal programma di sorveglianza sanitaria, condotta penalmente rilevante, che ha determinato la sua denuncia all’Autorità Giudiziaria.

Inoltre è stata accertata la mancata redazione del D.V.R. (Documento di Valutazione dei Rischi) che è il prospetto che racchiude rischi e misure di prevenzione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, ed è obbligatorio per tutte le aziende con almeno un dipendente. Le sanzioni amministrative elevate per tali irregolarità ammontano a 19.311 euro e sono stati altresì recuperati contributi INAIL-INPS per in importo di 7.200 euro.

Per l’attività sottoposta a verifica, il personale dell’Asp procederà ad una sanzione amministrativa, che va da 1.500 a 9.000 euro, poiché ha contestato alla titolare di non aver esibito la registrazione sanitaria (a cui è tenuto chi esegue una qualsiasi delle fasi di produzione, trasformazione e distribuzione di alimenti) con proposta di sospensione dell’attività commerciale.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione