16 Marzo 2024

Angelo Scandurra: fu sindaco-poeta, il suo ricordo è poesia

Angelo Scandurra: fu sindaco-poeta, il suo ricordo è poesia

E’ stata una testimonianza sentita dell’uomo, del poeta e del sindaco Angelo Scandurra. 

Asec Trade S.r.l.

Nel Mese della cultura, ad Acireale, non poteva mancare un omaggio ad Angelo Scandurra, prematuramente scomparso. Fu definito il sindaco-poeta, la sua amministrazione a Valverde, un nome più evocativo non poteva essere, è storia e mito, la sua poesia è sempre palpitante, la sensibilità e lo spessore dell’uomo tangibile nel ricordo di chi lo ha conosciuto.
Come ha voluto il regista Guglielmo Ferro, “le persone che hanno avuto il privilegio di conoscerlo” e gli artisti intervenuti lo hanno raccontato e hanno letto le sue parole.  Ieri sera alla Villa Belvedere di Acireale le sue poesie sono state interpretate dal grande Moni Ovadia, con lui Marinella Bargigli, Francesco Plinio Milazzo, Viola Lucio e Francesco M. Attardi.

Il recital “Angelo Scandurra, un poeta” ha radunato amici ed estimatori del raffinato poeta ed editore, considerato una delle voci più significative della cultura contemporanea. Operatore culturale brillante, promotore e direttore artistico di Etnafest, creatore di importanti iniziative culturali, sindaco di Valverde che con lui diventa “Il paese della cultura”.

“È una testimonianza di persone che hanno avuto il privilegio di conoscere Angelo Scandurra. Capire chi era Angelo, la sua creatività e la sua meravigliosa follia è impresa ardua. Fece di Valverde per anni un luogo di cultura irripetibile, si interfacciò con tutti, da Gino Paolo a Vasco Rossi, ai più importanti poeti del mondo. Da sindaco sostituì la foto presidente della Repubblica con Totò e Peppino. Purtroppo qualcuno ha detto che la cultura non si mangia e se così è siamo meritori di estinzione. La morte di un poeta è sempre una tragedia sociale. Noi non abbiamo più poesia e una società senza poesia è in pericolo. Il Comune di Acireale dedicando questo mese alla cultura fa una cosa molto importante. Di cultura non si mangia, ma senza cultura si muore”, ha introdotto Guglielmo Ferro.

Presenti i due sindaci di Acireale, Roberto Barbagallo, e di Valverde, Domenico Caggegi, a testimoniare che l’esperienza del sindaco poeta non sarà dimenticata dai due Comuni e ad annunciare la realizzazione di un anfiteatro dedicato ad Angelo Scandurra.

A raccontare dell’uomo Angelo Scandurra, della sua arte e del suo impegno civile sono intervenuti Giuseppe Condorelli, Angelo Santangelo e Antonio Belcuore.

All’importante appuntamento inserito nel programma di Marzo Il mese della Cultura erano presenti anche i familiari di Angelo Scandurra,

“Nessuno aveva mai ricordato mio padre in questi anni. Grazie infinite a Guglielmo Ferro e a Nicola D’Agostino per averci regalato questa serata meravigliosa, grazie al sindaco Roberto Barbagallo, sono felice che questo evento sia stato organizzato da questa città che mio padre amava visceralmente. Grazie anche al nuovo sindaco di Valverde, che finalmente darà testimonianza del. La politica è una cosa importante e la cultura unita alla politica è un’arma potentissima”, ha detto senza nascondere l’emozione il figlio Rosario Scandurra.

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato capo dell'Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.