11 Febbraio 2024

Lotta al randagismo, Mascalucia un comune virtuoso – VIDEO

Lotta al randagismo, Mascalucia un comune virtuoso – VIDEO

Contro il randagismo a Massanunziata l’Oasi del cane con tanti amici a 4 zampe da adottare con un bonus offerto dal Comune di Mascalucia.

Circa un quarto dei fondi destinati dalla Regione siciliana al randagismo è stato stanziato ai Comuni della provincia etnea.

I Fondi della Regione contro il randagismo. A Mascalucia oltre 30 mila euro

Parliamo di 1,245 milioni di euro su 5 totali per tutta l’isola, ripartiti a fine dicembre, come da elenco pubblicato il 21 dicembre dalla Regione . Le quote maggiori sono andate a Catania, con 505.029,17 euro, seguito da Bronte (63.380,79 euro), Belpasso (52.146,55 euro), Acireale (51.881,25 euro) e Misterbianco (51.340,14 euro). Caltagirone si è assicurato 46.271,71 euro, Giarre (38.042,71 euro), Zafferana Etnea (35.604,96 euro) e Mascalucia, con 30.632,43 euro. Tra le quote minime assegnate si rilevano Sant’Agata li Battiati (420,11 euro) e Sant’Alfio (516,42 euro). Si tratta di un calcolo basato sulla spesa sostenuta nel 2022.

Ed è Mascalucia, destinataria di 30.632,43 euro, a rappresentare un esempio virtuoso nella “politica” di gestione del randagismo nella cintura del capoluogo, con una vera e propria “task force” composta dal sindaco Enzo Magra, dal vicesindaco e assessore con delega al Randagismo (da fine dicembre) Angelo Caponnetto, dal comandante della Polizia locale Orazio Vecchio e dall’ispettore Maurizio Currò.

L’Oasi del cane a Mascalucia contro il randagismo

Lo “scheletro” dell’“Oasi del Cane” è infatti da vedere, nella frazione di Massannunziata. Oasi perché anche se ci si avvicina, i cani presenti nell’area non “sbucano” fuori subito. Segnale che si sentono protetti, tranquilli, del resto lo spazio a disposizione è ampio, in parte al coperto, ma in larga parte anche all’esterno per consentire ai cani di sgambettare.

Di cosa si tratta? Di uno stallo post sterilizzazione di randagi, da reimmettere nel territorio quando non mordaci (solo in ultima istanza la destinazione è il canile) che saranno riconoscibili dal collare rosso che si inizierà a mettere. Come descrive il cartello posto all’esterno, “i cani che dimorano in quest’area sono seguiti da liberi volontari accreditati (tutor) e sono sanitariamente controllati e monitorati. Si invita pertanto a non dargli del cibo e a non molestarli. Se interessati all’adozione si può contattare l’apposito Ufficio Benessere Animale presso il Comando di Polizia locale”. (Tel. 0957542300).

Il Comune di Mascalucia da tempo favorisce le adozioni

La struttura – assicura il vicesindaco – verrà completata con i fondi regionali in arrivo appositamente stanziati, 30 mila euro”. Quando si prevede il completamento? Chiediamo. “Entro due-tre mesi, saremo pronti in primavera e comunque prima dell’estate. Il territorio deve essere pronto sia a tutelare il benessere degli animali, sia a garantire la sicurezza della popolazione. Allo stato attuale abbiamo circa 180 cani sul territorio: sterilizzare consente di non creare una sovrapopolazione, ma lavoriamo tanto anche sulle adozioni. Ci stiamo attivando per creare una pagina social dedicata per agevolare le adozioni, pubblicando foto e descrizione. Ma l’iniziativa, del resto, la portiamo avanti già da tempo attraverso “RandagiAmo”, ogni giovedì al mercato c’è il nostro avamposto con cani da vedere e conoscere, da amare e, ovviamente, adottare. Il Comune ha deciso di optare, come agevolazione all’adozione, su bonus alle famiglie adottanti per acquistare alimenti e coprire le visite veterinarie del cane”.

 

Non solo cani ma anche gatti:

 “Le colonie feline sul nostro territorio sono diverse – prosegue Caponnetto – affidate a volontari, e sempre monitorati. I gatti sono più “riservati” dei cani, certamente più autonomi, e anche loro rientrano nel nostro programma di sterilizzazione. In genere portiamo cani e gatti a sterilizzare una volta la settimana, ma due settimane a questa parte Asp veterinaria ci consente anche qualche giorno in più. Gli abbandoni per fortuna rari, ma li identifichiamo subito dai comportamenti di cani e gatti abbandonati, si muovono con più difficoltà e sono timorosi. Sono situazioni da affrontare e gestire con tempismo, ne siamo consapevoli”.

Ultimo aggiornamento

Maria Elena Quaiotti

Maria Elena Quaiotti

Maria Elena Quaiotti, Tessera Odg n. 184727 Odg Lombardia. Pavese di nascita, mezzosangue cilena, dall’insana (o forse no?) curiosità. Per asper ad astra, perfino in Sicilia.