08 Febbraio 2024

Sicurezza a Catania, Maurizio Mirenda: “le associazioni di categoria accanto alle Forze dell’Ordine”

Sicurezza a Catania, Maurizio Mirenda: “le associazioni di categoria accanto alle Forze dell’Ordine”

Mirenda: “coinvolgere le associazioni delle Forze dell’Ordine per controllare il territorio e rassicurare i cittadini”.

Il consigliere comunale Maurizio Mirenda, capogruppo di Noi Democratici – Nuova DC, lancia una proposta durante la conferenza dei capigruppo che si è svolta mercoledì 7 febbraio:

«Coinvolgere le varie associazioni delle Forze dell’Ordine, Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Protezione Civile, ecc.ecc. che, proprio per il loro ruolo morale, etico ed istituzionale, potrebbero svolgere il compito di controllare scrupolosamente il territorio e rassicurare i cittadini».

La proposta nasce dalla consapevolezza che i vari corpi di polizia, per le loro carenze organiche, non riescono a soddisfare tutte le esigenze della città, per cui occorre affrontare con solerzia e determinazione delle questioni urgenti ed improrogabili.

Già il 18 ottobre del 2023, il capogruppo Mirenda, durante la seduta straordinaria di consiglio sul tema “Sicurezza nella città di Catania”, indetta su sua formale richiesta, aveva proposto di far intervenire l’Esercito per presidiare alcuni siti a rischio e fare delle ronde nei punti strategici della città. Ciò per ostacolare atti delinquenziali, di bullismo, di inciviltà in genere.

Ma viste le difficoltà oggettive di coordinare gli interventi attraverso il “Comitato per l’ordine e la sicurezza”, istituito dalla Prefettura, coinvolgere queste associazioni di categoria potrebbe essere la soluzione più semplice ed immediata.

«È, ovvio – spiega Maurizio Mirenda – che il loro ruolo sarebbe quello di monitorare i siti ritenuti sensibili, quali la Villa Bellini, la via Etnea, il centro storico, il parco Gioeni, il parco Falcone, il parco Gandhi, il boschetto della Plaia, e di far intervenire le forze dell’ordine, qualora si ritenesse opportuno».

«La gente deve godere, in tutta serenità, della propria città – aggiunge il consigliere – e di tutto quello che questa offre e viverla senza paure e limitazioni. Il tragico episodio avvenuto alla Villa comunale Bellini deve scuoterci tutti e deve farci individuare insieme, al di là di ogni appartenenza politica, tutte le soluzioni praticabili e funzionali per la città.

«A tal proposito – conclude Mirenda – per sostenere la proposta sotto l’aspetto economico, si potrebbe investire del problema la Regione Siciliana.

Il tema “Sicurezza” riguarda tanti comuni, quindi pensare ad un progetto più ampio, sarebbe auspicabile, perché da un lato tutelerebbe i cittadini e dall’altro incoraggerebbe i turisti a scegliere la nostra bella isola».

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione