10 Gennaio 2024

Reddito cittadinanza, GdF Caltagirone scopre indebiti percettori di oltre 700 mila euro

Reddito cittadinanza, GdF Caltagirone scopre indebiti percettori di oltre 700 mila euro

La Guardia di Finanza di Caltagirone ha scoperto 90 indebiti percettori del reddito di cittadinanza, è di oltre 700 mila euro il danno all’Inps.

Segnatamente, i Finanzieri della Compagnia di Caltagirone, prendendo in esame le istanze di n. 90 soggetti avrebbero scoperto che gli stessi erano, per varie ragioni, tutti indebiti percettori della misura di sostegno. Pertanto, le Fiamme Gialle hanno provveduto a segnalare alla locale Procura della Repubblica le diverse irregolarità rilevate e le falsità attestate nelle richieste rivolte all’I.N.P.S. che avrebbero di conseguenza indotto l’amministrazione a erogare nel tempo le somme così indebitamente percepite.

In particolare, tra i segnalati, numerosi soggetti risultano essere cittadini di origine extracomunitaria che non avrebbero maturato il periodo di residenza minima nel territorio nazionale pari ad anni 10.

Tra le fattispecie di illecito esaminate sono stati riscontrati anche casi di lavoratori irregolari “in nero” percettori del beneficio che non avevano comunicato la variazione della posizione lavorativa all’Istituto Nazionale competente al fine di permettere un eventuale ricalcolo dell’importo da percepire o, nel caso, disporre della sua totale decadenza.

In alcuni casi è stato inoltre accertato che le somme sarebbero state indebitamente percepite da soggetti condannati per spaccio di sostanze stupefacenti, reato per il quale, in caso di condanna definitiva è espressamente prevista l’esclusione per l’accesso al beneficio.

Le indagini delle Fiamme Gialle calatine hanno permesso di constatare un’indebita percezione di euro 734.865, riuscendo inoltre a evitare un ulteriore esborso statale pari ad euro 519.647. I percettori sono stati segnalati all’I.N.P.S. per la revoca del contributo e per il recupero delle somme già erogate.

L’attività svolta dai finanzieri della Compagnia di Caltagirone evidenzia il costante impegno profuso dalla Guardia di Finanza nell’ assicurare che tutte le prestazioni di natura assistenziale vengano rivolte effettivamente agli aventi diritto, evitando le iniquità che l’indebito accesso a soggetti privi dei necessari requisiti potrebbe generare minando la coesione sociale a danno delle casse dello Stato.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione