03 Gennaio 2024

Mafia, confisca beni a imprenditore di Palagonia

Mafia, confisca beni a imprenditore di Palagonia

I Finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito un provvedimento di confisca emesso dal Tribunale etneo, Sezione Misure di Prevenzione su beni e disponibilità finanziarie riconducibili ad un noto imprenditore nel settore dell’importazione e rivendita di carne di Palagonia (CT).

Le indagini patrimoniali finalizzate alla confisca, eseguite dalle fiamme gialle della Compagnia di Caltagirone, hanno, nell’arco temporale di un decennio, consentito di ricostruire il meccanismo fraudolento utilizzato per accumulare illecitamente un consistente patrimonio mobiliare ed immobiliare nella disponibilità di un soggetto socialmente pericoloso.

In particolare, dalle attività di verifica fiscale eseguite dai militari calatini è emerso che l’imprenditore palagonese avrebbe costituito diverse società con lo scopo di omettere tutti gli adempimenti imposti dalla normativa tributaria conseguendo una consistente evasione fiscale dell’ordine di milioni di euro sia con riguardo alle imposte dirette che all’I.V.A.

Sulla base degli elementi di fatto raccolti nel corso delle indagini, documentati da numerosi provvedimenti emessi dalle Autorità Giudiziarie sul territorio, è stato possibile fornire al Tribunale di Catania un solido quadro indiziario necessario per emettere il provvedimento ablativo poiché è risultato che il soggetto avesse accumulato il proprio patrimonio con proventi derivanti, anche in parte, da attività delittuosa.

All’esito delle mirate indagini patrimoniali, condotte dalle Fiamme Gialle calatine, è stata riscontrata una notevole sproporzione, pari a circa 2 milioni di euro, tra le fonti di reddito del proposto, del suo nucleo familiare e dei suoi conviventi e i beni acquisiti nell’arco temporale attenzionato. Tali risultanze sono state positivamente valutate dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Caltagirone per l’avvio del procedimento di applicazione delle misure di prevenzione, consentendo al Tribunale etneo di emettere in prima istanza un provvedimento di sequestro e, successivamente, a seguito del contraddittorio avviato con il proposto, un provvedimento decisorio di I grado della confisca.

Il provvedimento di confisca ha avuto ad oggetto fabbricati e terreni per estensione di circa 2 ettari, nonché quattro cavalli, 2 veicoli e quote societarie per un valore complessivamente stimato in oltre un milione e cinquecento mila euro che in sede di sequestro erano già stati affidati ad un amministratore giudiziario nominato dal Tribunale di Catania.

L’attività di servizio testimonia il costante impegno profuso dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Catania nell’individuazione e nell’aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie illecitamente accumulate dalle organizzazioni criminali con lo scopo di arginare l’inquinamento del mercato e salvaguardare la sana imprenditoria, con l’intento di ripristinare adeguati livelli di legalità, trasparenza e sicurezza pubblica.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione