21 Novembre 2023

Scuola Media N. Martoglio, “l’Europa a Belpasso e Belpasso in Europa”

Scuola Media N. Martoglio, “l’Europa a Belpasso e Belpasso in Europa”

Si è conclusa da qualche giorno l’attività di job shadowing di tre docenti slovene presso il plesso belpassese grazie all’attività d’accreditamento Erasmus +.

Dal 13 al 17 novembre le docenti slovene hanno avuto l’opportunità di osservare le metodologie, il materiale didattico e gli strumenti adottati nell’istituto per acquisire competenze e abilità da riportare nel proprio paese e adottare a loro volta. Le docenti sono state inserite in varie classi per assistere alle lezioni e per osservare quindi da vicino il lavoro che si svolge a Belpasso. Hanno quindi avuto modo di costruire relazioni ed acquisire nuove strategie di insegnamento e valutazione.

Asec Trade S.r.l.

Il personale scolastico, guidato dalla Dirigente Anna Spampinato, ha collaborato fattivamente al fine di accogliere e coinvolgere le ospiti all’insegna di un’esperienza di crescita per l’intera comunità scolastica. L’Amministrazione comunale insieme alla Pro Loco e all’Archeoclub di Belpasso hanno dimostrato disponibilità ed accoglienza alle docenti guidandole lungo le vie del paese dove il presidente della Pro Loco, Tony Carciotto, ha spiegato loro la storia e le tradizioni del comprensorio etneo.

“Le docenti slovene hanno conosciuto un sistema d’apprendimento diverso, nuove metodologie – spiega Laura Tomaselli, docente di lingua inglese e referente Erasmus -. Sono state inserite nelle varie classi, hanno seguito le nostre lezioni, hanno visitato la palestra e la biblioteca. Ci siamo confrontate sulle similitudini e differenze tra le nostre scuole”.

Quali sono le differenze? “Innanzitutto per quantro riguarda gli spazi in Slovenia gli istituti scolasici sono più grandi dei nostri. Dal punto di vista didattico – continua Tomaselli – lì i docenti dedicano intere giornate a singoli progetti dallo sport allo studio di uno strumento. Dal punto di vista disciplinare gli studenti sloveni sono sottoposti a meno controlli, ad esempio se un ragazzo non desidera seguire una determinata lezione può uscire dall’aula senza chiedere il permesso. Per lo stesso modus operandi – sottolinea – ai ragazzi non sono richieste giustificazioni. A sorprendere le docenti le nostre classi smart – conclude – in Slovenia ai ragazzi non viene fornito il tablet mentre alla scuola media N. Martoglio diverse classi godono di questo strumento”.

Ultimo aggiornamento

Chiara Lucia Germenà

Chiara Lucia Germenà

Chiara Lucia Germenà (OdG Sicilia N^ 177881). Classe 1996. Giornalista e Dott.ssa in “Lingue e Letterature Comparate”. Appassionata di cultura e spettacolo: “Se non mi trovi cercami a Teatro”.