15 Novembre 2023

Mascalucia, domani la “Giornata Internazionale del prematuro”

Mascalucia, domani la “Giornata Internazionale del prematuro”

“Gesti semplici, grandi risultati, contatto immediato pelle a pelle per ogni neonato ovunque”.

Asec Trade S.r.l.

L’ABC ODV, Associazione Bambini in Crescita di Catania, costituita da genitori di neonati prematuri, celebra la Giornata Internazionale del Prematuro, promossa dal Coordinamento Nazionale delle Associazioni per la Neonatologia “Vivere Onlus e dalla Fondazione Europea per l’Assistenza Neonatale (Efcni). E lo fa con evento ricco di valori che accenderà ulteriormente i riflettori su questi tempi. I genitori dei bimbi, gli operatori sanitari, i dirigenti della Sanità catanese s’incontrano e si raccontano domani sera, dalle 18.30 in poi per vivere un momento di grande attenzione che inevitabilmente emozionerà nella location scelta per l’evento, il Teatro Stabile di Mascalucia. Andrà in scena uno spettacolo teatrale sulla prematurità e una esibizione del gruppo musicisti Diapason che suoneranno e reciteranno una fiaba per bambini. Ma sarà anche un momento in cui si ascolteranno esperienze dirette e di vita con genitori che saliranno sul palco per parlare e aprire spunti per dialogare sui temi di stretta attualità.

Contestualmente, è stata inviata – a cura della Sin (Società Italiana di neonatologia) e Vivere (coordinamento delle Associazioni Italiane di Neonatologia) una lettera a tutti i Sindaci d’Italia per accendere, all’interno del loro Comune, un monumento con una luce viola, simbolo della prematurità.

Nella provincia di Catania diversi Comuni hanno aderito all’iniziativa. Il tutto per tenere alta l’attenzione verso un unico obiettivo: la vita

LA GIORNATA MONDIALE DELLA PREMATURITA’

La Giornata si propone di mettere in risalto il parto prematuro, purtroppo in aumento. Solo in Italia oltre 40.000 bambini (circa il 7-9% dei neonati nasce prima della 37^ settimana e l’1% prima della 32^ settimana) vengono alla luce prima del termine, iniziano la loro vita attaccati a una macchina, isolati dalla mamma e dal loro mondo affettivo.

Per accogliere un prematuro in maniera adeguata è necessaria una TIN (terapia intensiva neonatale) tecnologicamente estremamente all’avanguardia, per garantire il mantenimento delle funzioni vitali e accompagnare il bambino nel suo percorso di sviluppo. Negli anni Sessanta solo il 25% dei neonati che pesavano meno di 1.500 grammi sopravviveva, oggi la percentuale è del 90%.

Dal 2006 l’ABC – Associazione Bambini in Crescita – è impegnata a mettere in evidenza le problematiche legate alla prematurità; a rafforzare il diritto del bimbo prematuro a ricevere tutte le attenzioni, le cure mediche ed umane, atte a rendere dignitoso il suo percorso di crescita e di sviluppo.

Obiettivo sostenere le TIN catanesi, che sono dirette dal dott. Pietro D’Amico, P.O. Cannizzaro; dott.ssa Gabriella Tina, P.O. Garibaldi; dott. Raffaele Falsaperla, P.O. San Marco; dott.ssa Mary Betta, P.O. Policlinico. Stimolare la cooperazione tra Aziende Ospedaliere ed operatori sanitari finalizzata, appunto, alle migliori cure.

Affinché tutto ciò avvenga è necessario arricchire i genitori di nuovi coinvolgimenti, informazioni; trasmettere tutta l’attenzione professionale di cui questi speciali pazienti hanno bisogno. Per i genitori, sapere che gli operatori sanitari lavorano per “prendersi cura” dei loro figli, che ne comprendono il disagio e la sofferenza, allevia un cammino già difficile e tortuoso.

La prematurità coinvolge, in modo importante, il percorso dell’allattamento, e con esso la banca del latte materno. Il bambino pretermine, come tutti i bambini, più di ogni bambino, ha la necessità di essere allattato. Quando la mamma non è presente – perché in condizioni di salute non idonee, o altro – ha la necessità di assumere latte materno donato.

A tutt’oggi, nonostante la nascita a Catania della Banca del Latte, ancora insufficienti sono le donazioni. Siamo fermamente convinti che tutto ciò avviene per una mancanza di conoscenza e non di sensibilità delle mamme catanesi, siciliane. La GIORNATA INTERNAZIONALE DEL PREMATURO diventa un’ulteriore occasione per accendere l’attenzione su questo tema, creare una rete sociale che riesca a portare conoscenza per una migliore azione di supporto con il latte materno nonché prevenzione per tutti i potenziali fattori che possono indurre un parto pretermine.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione