10 Novembre 2023

Misterbianco, controlli nelle periferie commerciali

Misterbianco, controlli nelle periferie commerciali

I Carabinieri hanno effettuato accertamenti presso un chiosco di via Poggio Lupo, che è stato sanzionato perché aveva occupato abusivamente, con tavoli e sedie, la sede stradale.

In quei momenti, mentre la Polizia Locale stava procedendo con le sanzioni, i Carabinieri hanno rivolto la loro attenzione ad un uomo che, con fare guardingo, stava frettolosamente raggiungendo i giardinetti adiacenti al baracchino, cercando di disfarsi di qualcosa lanciandola tra le siepi.

Asec Trade S.r.l.

Subito fermato, l’uomo, un 37enne residente nella zona, è stato quindi perquisito di militari dell’Arma, che gli hanno trovato addosso 4 bustine di plastica, nascoste negli indumenti intimi, ognuna contenente 5 grammi circa di marijuana, per un totale di 20 grammi. L’uomo, che quasi certamente si trovava lì per proporre droga ai frequentatori di quella zona, è stato denunciato a piede libero, mentre la droga è stata sequestrata.

Ancora, le pattuglie dell’Arma sono state, poi, impegnate presso corso Carlo Marx, dove un negoziante di origine cinese, già vittima di una rapina qualche settimana prima, aveva allertato alcuni vigilantes li presenti, avendo notato due giovani a bordo di un ciclomotore che sostavano senza motivo apparente nei pressi della sua attività commerciale. In quel frangente le guardie giurate, quindi, hanno subito contattato la Centrale Operativa dell’Arma, che ha coordinato l’immediato intervento delle pattuglie presenti nelle vicinanze. In questo modo, gli equipaggi delle Gazzelle, dividendosi per raggiungere contemporaneamente il posto da diverse direzioni, sono quindi riusciti in una manciata di minuti a bloccare la coppia di ragazzi, due 16enni del quartiere Librino, nonostante il loro vano tentativo di fuggire, uno nascondendosi nell’edificio abbandonato dell’ex “Torre Tabita”, l’altro provando a scappare sullo scooter, senza targa.

I militari, verificato che i due fossero minorenni, hanno subito contattato i loro genitori, avviando durante l’attesa, i necessari accertamenti sul mezzo a due ruote. Così facendo, i Carabinieri hanno scoperto che il motorino sul quale viaggiavano i due “compagni di merende”, era stato rubato lo scorso agosto da una signora residente nel quartiere di Nesima.

A quel punto, i due minori sono stati pertanto denunciati per ricettazione in concorso, oltretutto perché uno dei due, pensando di essere particolarmente scaltro, aveva dichiarato falsamente ai militari di essere in possesso dello scooter da almeno 7 anni.  

In un secondo momento, sono stati invece svolti dei controlli alla circolazione stradale, al fine soprattutto di combattere quelle condotte irresponsabili di guida che possono seriamente mettere a repentaglio la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

Punteggiando con numerosi posti di controllo le strade della zona, i Carabinieri hanno controllato 34 persone e 23 veicoli, sanzionando 5 automobilisti per un totale di circa 5.000 € e sequestrando una automobile di grossa cilindrata. 

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione