03 Novembre 2023

Scienze politiche, si presenta un volume Napoleone Colajanni

Scienze politiche, si presenta un volume Napoleone Colajanni

Lunedì 6 novembre alle 10, nell’aula magna del dipartimento di Scienze politiche e sociali (Palazzo Pedagaggi, via Vittorio Emanuele, 49) verrà presentato il volume “Napoleone Colajanni.

Europa, Italia e Mezzogiorno”, curato dal prof. Giuseppe Astuto, docente di Storia delle istituzioni politiche, che interverrà insieme all’editore Salvo Bonfirraro.

Colajanni (Castrogiovanni, 1847-1921), fu un protagonista della vita intellettuale e politica nel nostro Paese, tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, contribuendo al processo, faticoso e contraddittorio, che portò l’Italia a passare dallo Stato liberale alla creazione di uno Stato democratico. Repubblicano, teorico del socialismo evoluzionista e sostenitore di forti autonomie locali, Colajanni si distinse per le battaglie contro le arretratezze della Sicilia e del Mezzogiorno e per l’affermazione della democrazia e del socialismo.

Il volume curato dal prof. Astuto raccoglie i saggi di studiosi, italiani e stranieri, di diverse discipline, che hanno contribuito, con nuovi approcci e con l’utilizzo di fonti inedite, al rinnovamento della storiografia sulla Sicilia, sul Mezzogiorno e sulle élite locali in rapporto alle vicende dello Stato italiano. Dopo i saluti istituzionali del rettore Francesco Priolo, e della direttrice del Dsps Pinella Di Gregorio, interverranno gli storici Francesco Bonini, rettore della Lumsa di Roma, e Luigi Chiara, dell’Università di Messina. In conclusione è previsto l’intervento del Ministro per la Protezione Civile e per le Politiche del Mare Nello Musumeci.

Scienze politiche, lo Sri Lanka tra guerre, violenze e questioni religiose

Lunedì 6 novembre, alle 10, nell’aula XXI marzo del dipartimento di Scienze politiche e sociali, si apriranno i lavori del convegno internazionale dal titolo “Religiosity, Violence, Political Recompositions – Reflections from Sri Lanka and its Diasporas”, promosso nell’ambito del Progetto di ricerca “RIMIGRA: Migrations, blurring boundaries, and home-making: Anthropological analysis of the rituals/migrations nexus in Southern Italy” (PRIN 2017).

Coordinato dall’antropologa Mara Benadusi (Dsps), in partenariato con le Università di Messina, Palermo e della Basilicata, il convegno – aperto dal rettore Francesco Priolo e dalla direttrice del Dsps Pinella Di Gregorio – si propone di esplorare le dinamiche di conflitto e di convivenza che le identità religiose possono generare, a partire da uno sguardo specifico sullo Sri Lanka e sull’ampia comunità srilankese residente in Sicilia, con il contributo di studiosi provenienti da quel Paese ma anche da Regno Unito, Pakistan e Portogallo.

In particolare, si rifletterà sul ruolo che giocano l’appartenenza religiosa e le tradizioni rituali nell’alimentare fratture sociali e violenze ma anche nell’attivare processi di ricomposizione politica e di coesistenza. Tra gli studiosi che interverranno su questi temi Jonathan Spencer, Professore emerito dell’Università di Edimburgo; Farzana Haniffa dall’Università di Colombo in Sri Lanka; Filippo Osella dell’Università del Sussex; Pradeep Jeganathan, altro antropologo srilankese; Giacomo Mantovan, ricercatore del CRIA, Centro di Ricerca in Antropologia di Lisbona; Dominic Esler dell’Università di Lahore, Pakistan; Eugenio Giorgianni dell’Università di Messina e Giovanni Cordova dell’Università di Napoli “Federico II”. Alla tavola rotonda interverrà anche don Carlo Palazzolo, direttore dell’ufficio Migrantes di Catania.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione