20 Ottobre 2023

Alimentazione consapevole, ufficiale medico della NAS Sigonella incontra gli studenti del Liceo Majorna di San Giovanni La Punta

Alimentazione consapevole, ufficiale medico della NAS Sigonella incontra gli studenti del Liceo Majorna di San Giovanni La Punta

Continua con successo il progetto di volontariato linguistico “Community Relations” (COMREL) nelle scuole siciliane.

Asec Trade S.r.l.

Lo scorso 18 ottobre, una delegazione dell’Ospedale Navale della base USA NAS Sigonella, accompagnata da Alberto Lunetta, Responsabile Relazioni Esterne della base si è recata presso il liceo Majorna per presentare una lezione di educazione alimentare in lingua inglese.

La prima giornata del progetto COMREL, per l’anno in corso, ha visto coinvolte le classi 5B Economico Sociale, 5C Scientifico, 4B Scienze Umane ed è stata coordinata delle docenti di lingua inglese Mary Avellino, Maria Luisa Catalano e Giovanna Proto.

La delegazione sanitaria statunitense è stata coordinata dal Capitano di Corvetta Sebastian Lara, medico pediatra della NAS americana di origini siciliane, che è stato accompagnato da due sottufficiali paramedici.

Durante la lezione, i ragazzi hanno imparato a comprendere come il cibo che consumano interagisca con il loro organismo e come le loro scelte alimentari possano influenzare la loro salute.

Il Dott. Lara ha iniziato la lezione somministrando agli studenti un questionario volto a stimolare un approccio consapevole all’alimentazione, denominato “Mindful Eating”, per invitarli ad esplorare la relazione che esiste tra la psiche e le abitudini complementari.

Ha quindi spiegato, dopo avere illustrato i gruppi alimentari, con la collaborazione delle due assistenti, come leggere le etichette alimentari per potere scegliere i prodotti migliori e capire quali sono quelli da evitare.

“Lo scopo di questo incontro, che ci viene spesso richiesto dalle scuole siciliane, è quello di spiegare agli studenti l’importanza di un’alimentazione consapevole per condurre uno stile di vita sano ed abbassare il rischio di ammalarsi di malattie causate da errori a tavola,” ha spiegato Lunetta.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione