10 Ottobre 2023

Ex province, all’Ars l’allarme dei dirigenti

Ex province, all’Ars l’allarme dei dirigenti

Ardizzone: (M5S): “Situazione tragica, pochissimi soldi e personale, così sono destinate a fallire”.

Asec Trade S.r.l.

“E’ inutile fare giri di parole, la situazione economica delle ex province, è tragica in termini di risorse e personale. Così sono destinate a fallire, a prescindere dalla riforma in itinere che, col costo delle poltrone dell’organo politico, non farà altro che peggiorare la situazione”.

Lo afferma  la deputa M5S Martina Ardizzone, componente della commissione Affari istituzionali dell’Ars, a margine della seduta della commissione Bilancio dove, anche su sua richiesta, sono stati  ascoltati i ragionieri generali e della provincia metropolitana di Palermo e del libero consorzio di Caltanissetta.

“Il grido di allarme che, numeri alla mano hanno lanciato i dirigenti – dice Ardizzone –  non può rimanere inascoltato. I trasferimenti statali  non solo sono diminuiti nel corso degli anni, ma le risorse sono andate progressivamente in rosso a causa del prelievo forzoso imposto dalla legge di stabilità negli ultimi anni. In partica, se le ex province  stanno ancora in piedi, lo si deve alle economie di bilancio. Ma è chiaro che così non si può andare avanti, anche perché non c’è il personale per farlo: mancano soprattutto i dirigenti e i tecnici per portare a compimento i progetti  relativi ai finanziamenti extraregionali. A Caltanissetta negli ultimi 8 anni i dipendenti sono passati da 600 a 180, con solo due dirigenti in servizio. A Palermo il personale in servizio è solo di 500 unità a fronte dei 1600 dipendenti del 2015″.

“Alla luce di tutto questo – aggiunge il vicepresidente M5S dell’Ars Nuccio Di Paola, componete della commissione Bilancio  – è ovvio che la riforma in itinere non farà altro che peggiorare la situazione a causa del costo dell’organo politico, che inevitabilmente finirà col gravare su bilanci così disastrati.  La priorità dovrebbe essere quella di erogare servizi efficienti ai cittadini, che oggi, come è sotto gli occhi di tutti, sono sempre più precari”.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione