28 Luglio 2023

Arcidiocesi di Catania, volontari a lavoro per sostenere i senza fissa dimora

Arcidiocesi di Catania, volontari a lavoro per sostenere i senza fissa dimora

“E’ il momento di essere vicini a quanti soffrono e di guardare al futuro, colmando le omissioni nella cura della città e del territorio”.

“Ci sentiamo solidali con tutti coloro che in questi giorni hanno affrontato disagi: le persone con una salute fragile, gli anziani, i senza fissa dimora e le famiglie rimaste prive di acqua e di energia elettrica.

Sappiamo che le nostre istituzioni hanno cercato di fare il possibile per cercare di risolvere i problemi che ci hanno attanagliato, ma siamo consapevoli anche che l’emergenza sociale in atto richiede uno sforzo straordinario e solidale e che nel futuro la prevenzione è d’obbligo, davanti a cambiamenti epocali. Un ringraziamento va rivolto ai vigili del fuoco, agli uomini della protezione civile, alle forze dell’ordine, agli operatori sanitari e a tutte quelle associazioni di volontariato che si sono attivate per affrontare le diverse problematiche nate in questi ultimi giorni a causa del l’eccessiva ondata di calore.

Siamo loro grati con tutti i cittadini. L’ufficio per la Pastorale sociale e del lavoro si è incontrato con alcune realtà che si prendono cura in particolare degli anziani e dei senza fissa dimora. E ha costatato come questi organismi stiano operando sul territorio della nostra città, attraverso unità di strada, che seguono costantemente queste persone, le assistono e curano ed attuano periodici monitoraggi, offrendo così, in dialogo con gli enti pubblici, un servizio prezioso, silenzioso ed attento. Per questa ragione le Organizzazioni di volontariato e del Terzo settore non possono non essere coinvolte nell’analisi, nella progettazione e programmazione degli interventi di ordine sociale in risposta alle necessità, fra l’altro, dei senza fissa dimora.

I problemi e le criticità sociali vanno affrontati non con strumenti straordinari e urgenti, ma con pianificazione di interventi e di iniziative in stretta collaborazione con le organizzazioni di volontariato e nell’ottica dell’amministrazione condivisa e partecipata.

L’ufficio di Pastorale sociale e del lavoro e gli organismi di volontariato si riuniranno ancora per valutare eventuali, ulteriori forme di coordinamento per rendere più efficace il servizio ai poveri e per esaminare proposte e richieste da avanzare all’Amministrazione comunale. Ufficio di Pastorale sociale e del lavoro Arcidiocesi di Catania”.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione