24 Luglio 2023

Motorizzazione Catania: agitazione per gli esaminatori

Motorizzazione Catania: agitazione per gli esaminatori

I dipendenti “esaminatori” lamentano i rischi per la sicurezza: “Dobbiamo prevenire le truffe, ma non possiamo perquisire gli esaminandi”.

Asec Trade S.r.l.

I dipendenti della Motorizzazione civile di Catania, con la qualifica di “esaminatore”, hanno proclamato lo stato di agitazione fino a quando non verranno intraprese le soluzioni più idonee per garantire il regolare svolgimento delle sedute dì esame teorico a quiz, programmati all’interno della sede di San Giuseppe La Rena. Un esaminando è stato trovato casualmente in possesso di un apparecchio per la comunicazione con l’esterno, nascosto sotto gli indumenti, nonché di una mini telecamera camuffata come un bottone. L’immediato intervento di una pattuglia della Polizia, che ha effettuato i necessari accertamenti, ha comportato poi la denuncia del fatto per ipotesi di tentata truffa ai danni dello Stato.

Mentre la giustizia dovrà fare il suo corso, rimangono le preoccupazioni dei funzionari “esaminatori” considerato che in questo caso l’evoluzione tecnologica si sta diffondendo tra gli esaminandi.

Il coordinatore provinciale dei dipendenti regionali della federazione Ugl Autonomie locali di Catania, Alessandro Catalano spiega: “Il carico di responsabilità è ancora più grande in assenza di strumenti utili a mettere nelle condizioni chi va ad effettuare una seduta di esame e deve prevenire eventuali truffe. E’ una situazione ormai giunta al limite del possibile e, per questo, come Ugl abbiamo scritto una nota al dirigente responsabile del servizio Motorizzazione civile di Catania Marco Anfuso e, per conoscenza, al dirigente generale del Dipartimento regionale delle Infrastrutture Salvatore Lizzio ed all’assessore regionale delle Infrastrutture Alessandro Aricò, perché si possa trovare una soluzione a questa ulteriore criticità. Ciò si aggiunge alla già difficile condizione quotidiana in cui si trovano i lavoratori della Motorizzazione a causa dei carichi di lavoro eccessivi. Questione che abbiamo da tempo denunciato, al pari di quella che riguarda la gravissima carenza di personale e dell’annosa vertenza dei dipendenti di categoria “A” e “B” .

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione