20 Luglio 2023

Movimento Popolare Catanese: non c’è ancora una data di convocazione per il Consiglio Comunale

Movimento Popolare Catanese: non c’è ancora una data di convocazione per il Consiglio Comunale

Catania, la nostra amata città, caratterizzata dagli accadimenti più strani, ha smesso di sorprendere, poiché siamo ormai abituati ai fatti inconsueti che qui si verificano.

Asec Trade S.r.l.

Sappiamo tutti che il 28 ed il 29 maggio 2023 a Catania si sono tenute le Elezioni comunali per eleggere il nuovo Sindaco ed il Consiglio Comunale. Dalle elezioni è emersa la vittoria di Enrico Trantino, sostenuto da Lega, Forza Italia e Fratelli D’Italia, che si è insediato ed ha iniziato a svolgere le mansioni del proprio Ufficio. Ad oggi, 20 luglio 2023, però, a quasi sessanta giorni dalle elezioni, non c’è ancora una data di convocazione per il Consiglio Comunale.

Il Consiglio Comunale, composto da membri eletti direttamente dai cittadini in concomitanza con l’elezione del Sindaco, è l’organo rappresentativo della volontà politica popolare ed ha la duplice funzione di indirizzo politico e di controllo e monitoraggio dell’attività degli organi politici.

Alcuni atti essenziali per la vita ed il funzionamento del Comune, sono di competenza, esclusiva e tassativa del Consiglio e pertanto non possono essere svolte da altri organi!

Fra gli atti fondamentali di competenza del consiglio comunale vi sono ad esempio: lo statuto e i regolamenti; i programmi, le relazioni previsionali e programmatichei piani finanziari, i programmi dei lavori pubblici, i bilanci annuali e pluriennaliil rendicontoi piani territoriali urbanistici, le convenzioni con i Comunil’organizzazione degli uffici e dei servizil’istituzione e l’ordinamento dei tributi.

Il Consiglio, quindi, oltre ad essere la massima espressione popolare all’interno dell’Amministrazione Comunale, è un organo fondamentale, chiamato ad approvare o a respingere proposteiniziative e progetti presentati dal Sindaco e, soprattutto, bilancio di previsione e rendiconto.

Quanto descritto deriva da normative che trovano applicazione in tutta Italia, ma, evidentemente, non trovano applicazione nella Città di Catania, dove il sindaco fa tutto da solo e dove, a distanza di quasi due mesi dalle elezioni, non è ancora stata fissata neanche una data per la prima adunanza!

A quale Santo devono rivolgersi i Catanesi affinché il Consiglio Comunale assuma le sue funzioni! Dobbiamo sempre disturbare Sant’Agata?

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione