14 Luglio 2023

Catania, fuggono dai Carabinieri perchè trasortano hashish e marijuana

Catania, fuggono dai Carabinieri perchè trasortano hashish e marijuana

Arrestati due giovanissimi colti in flagrante dopo una fuga spericolata.

Asec Trade S.r.l.

I Carabinieri hanno denunciato un pregiudicato 19enne di nazionalità bengalese residente a Catania e un 17enne catanese per “resistenza a pubblico ufficiale”, “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”e “porto di oggetti atti ad offendere”.

Sul lungomare di Catania, i motociclisti dei Carabinieri hanno notato due giovani a bordo di una motocicletta di grossa cilindrata Yamaha con un atteggiamento sospetto.

I due giovanissimi, alla vista dei militari, hanno tentaro una precipitosa fuga. L’inseguimento è iniziato all’altezza di Piazza Nettuno. Da lì, i centauri hanno percorso gran parte del lungomare di Catania, passando per San Giovanni Licuti in quel momento affollata di bagnanti. In quel frangente, i fuggitivi si sono disfatti di un marsupio nero, poi recuperato dai Carabinieri.

La folle corsa è terminata in Piazza Duomo, dove i due hanno perso il controllo del ciclomotore e sono andati ad impattare contro una delle fioriere che abbellisce la piazza.

Subito dopo l’impatto, i malfattori si sono rialzati ed hanno continuato in diverse direzioni di marcia. Il 17enne è scappato a piedi, ma è stato raggiunto da uno dei militari motociclisti, che è riuscito a bloccarlo e a ricondurlo alla calma dopo i suoi numerosi tentativi di divincolarsi dalla presa.

Intanto il 19enne, dopo l’impatto con la fioriera, si è rialzato e, noncurante del suo passeggero, ha proseguito alla guida della sua motocicletta, fino Piazza Macchiavelli dove ha urtato con lo pneumatico anteriore il marciapiede ed ha perso l’equilibrio rovinando al suolo. Dopo l’impatto, il giovane si è rialzato ed ha proseguito la fuga a piedi, lasciando la motocicletta sul posto.

I militari hanno avuto modo di perquisire il 17enne rinvenendo una dose di due grammi di marijuana ed un coltello a farfalla con lama della lunghezza di 10 centimetri, mentre nel marsupio lanciato in corsa i Carabinieri trovavano numerosi involucri di hashish e marijuana del peso complessivo di 16 grammi circa, verosimilmente pronti per essere immessi nel circuito illegale dello spaccio di stupefacenti.

Intanto gli inquirenti risalivano all’identità del 19enne. Avviate, quindi, le verifiche presso i Pronto Soccorso di tutti gli ospedali cittadini poiché si presumeva si fosse fatto male nelle cadute, il fuggitivo veniva rintracciato all’ospedale Garibaldi, dove il giovane era appena giunto fingendo di avere avuto un incidente autonomo.

La sostanza stupefacente è stata sequestrata in attesa delle analisi di laboratorio finalizzate anche all’accertamento dei livelli di tetraidrocannabinolo mentre il minore è stato riaffidato alla famiglia.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione