15 Giugno 2023

Timpa di Acireale, dalla Regione 5 milioni per Santa Maria la Scala

Timpa di Acireale, dalla Regione 5 milioni per Santa Maria la Scala

L’on. Nicola D’Agostino: “Risultato eccellente per Acireale. Grazie al presidente Schifani”.

Asec Trade S.r.l.

di Diletta Rizzo

Ammonta a 5 milioni il finanziamento stanziato dal Commissario di Governo per il dissesto idrogeologico nella Regione Siciliana, destinato ad un intervento di particolare rilievo sul costone lavico della Timpa che sovrasta Santa Maria la Scala, a seguito delle frane che si sono registrate anche di recente, minacciando le abitazioni. L’annuncio è stato dato dall’on. Nicola D’Agostino, il quale ha seguito, passo dopo passo, l’iter che ha condotto al provvedimento i cui dettagli verranno illustrati domani, nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella piazza della frazione acese con inizio alle 10 ed alla quale interverrà, oltre allo stesso deputato regionale, anche il sindaco, ing. Roberto Barbagallo. “Sono grato al presidente della Regione, on. Renato Schifani, per l’ennesimo gesto di attenzione rivolto ad Acireale – ha affermato l’on. D’Agostino – che si traduce in un intervento parecchio atteso dalla popolazione locale e dalla Città. Analogo ringraziamento rivolgo al commissario governativo, dott. Maurizio Croce, per avere seguito costantemente tutte le procedure del caso, sino all’emissione del decreto finale. La messa in sicurezza della porzione di costone lavico della Timpa sovrastante Santa Maria la Scala è stata sollecitata da più parti, ed ho inteso intervenire con decisione alla Regione, interpretando in particolare le istanze del parroco, don Francesco Mazzoli, nonché della coordinatrice di un comitato spontaneo, Paola Riccioli. Nel corso del tempo – ha concluso l’on. D’Agostino – abbiamo eseguito vari sopralluoghi, coordinati dal geologo Pippo Filetti, del Genio Civile di Catania, propedeutici all’eccellente risultato finale che ci consente di guardare al futuro con fiducia rispetto alle legittime preoccupazioni dei residenti”.

L’onorevole Nicola D’Agostino
Ultimo aggiornamento

redazione

redazione