20 Maggio 2023

Un avvocato in cucina: Paccheri rigati con “ragù” di buzzonaglia di tonno rosso!

Un avvocato in cucina: Paccheri rigati con “ragù” di buzzonaglia di tonno rosso!

La ricetta di Elvira, un’avvocato con la passione per la cucina, oggi i paccheri con ragù di buzzonaglia di tonno rosso!

Le origini del piatto

La buzzonaglia è uno dei 33 tagli del tonno, corrispondenti ad altrettanti sapori, sarebbe la parte più povera del pesce, quella con cui per secoli hanno mangiato i meno abbienti, i pescatori, ed è costituita da quell’ insieme di carni scure che si trovano a ridosso della lisca centrale del pesce: si tratta in sostanza di quelle parti del filetto che restano attaccate alla spina dorsale e alle vertebre di un pesce di grandi dimensioni.Ha un sapore più intenso del tonno, e se ne differenzia sia per la maggiore morbidezza che per un costo decisamente inferiore.

Asec Trade S.r.l.

 Ingredienti: Buzzonaglia, acciuga sott’olio, olio, sale, prezzemolo, peperoncino, pomodoro pelato.

PREPARAZIONE

Far rosolare per qualche minuto la buzzonaglia(circa 80 g per due persone) con dei filetti di acciuga sott’olio e pochissimo olio.
A parte, preparare una semplice salsa  in padella facendo soffriggere aglio, prezzemolo e peperoncino, aggiungere poi dei pomodori pelati( 1barattolo per due persone)e lasciare cuocere per circa 10 minuti.
Unire alla salsa quindi la buzzonaglia precedentemente rosolata e far cuocere a fuocolento per altri 10 minuti.
Quando il “ragù”sarà pronto, aggiungere i paccheri scolati 3 minuti prima della completa cottura, mescolare e far completare la cottura.
Aggiungere alla fine del prezzemolo tritato fresco. È possibile sostituire la buzzonaglia con del semplice tonno in scatola o con del tonno fresco.

Chi è Elvira Sciacca

“Sono una donna di 41 anni che da circa 12 anni esercita la professione di Avvocato e che fin da bambina ha la passione per la cucina.
Come scrisse qualcuno “il cibo è cultura quando si produce, si crea, si prepara, si trasforma, si consuma e quando si sceglie”!
Attraverso le mie ricette provo a far rivivere in qualche modo le ricette delle due Donne che mi hanno inculcato e trasmesso amore smisurato per la cucina e per il cibo, ossia, la mia nonna materna, Lina, di origini ennesi e la mia mamma Rosetta, venuta a mancare troppo presto.
Fin da piccola, annotavo le loro ricette in un’agenda che ancora custodisco come se fosse un tesoro prezioso.
 Sono loro che mi hanno insegnato come da una ricetta semplice alla portata di tutti possano nascere grandi cose/sapori, un pò come accade nella vita.
Nelle mie ricette tradizioni, ricordi, profumi e sapori siciliani antichi s’incontrano”.

Elvira Sciacca
Ultimo aggiornamento

redazione

redazione