05 Maggio 2023

Operazione “Oro rosso” contro i furti di rame

Operazione “Oro rosso” contro i furti di rame

Il bilancio della quinta giornata dell’anno denominata “Oro rosso” a contrasto dei furti di rame in ambito ferroviario.

94 persone controllate, 1 indagato, 23 siti  ispezionati, 39 operatori Polfer impegnati: è il bilancio della quinta giornata dell’anno denominata operazione “Oro Rosso” dedicata, a livello nazionale, al contrasto del fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario.

Le verifiche hanno interessato le linee ferroviarie dove talvolta si sono verificati episodi delittuosi nonché 9 centri di rottamazione e di trattamento di rifiuti speciali e metallici dislocati su tutta la regione. In particolare sono stati verificati il possesso delle autorizzazioni all’esercizio dell’attività ed al trattamento dei materiali, il rispetto delle normative ambientali e la tracciabilità dei metalli trattati.

La finalità dell’Operazione è rintracciare ed interrompere la filiera di illegalità legata al c.d. “oro rosso”, causa di considerevoli danni economici alle imprese vittime dei predatori di rame nonché disagi alla cittadinanza nella fruizione dei servizi pubblici e di pubblica utilità.

A Messina gli investigatori, insospettiti da un autocarro colmo di rifiuti parcheggiato di fronte ad un capannone, hanno deciso di verificare  l’attività che vi si svolgeva, appurando che in esso venivano gestiti illegalmente rifiuti speciali e non. L’immobile è stato quindi sottoposto a sequestro mentre il proprietario, un pluripregiudicato di Messina, è stato denunciato per l’esercizio dell’attività di gestione di rifiuti senza la prescritta l’autorizzazione. Inoltre ad altre due persone, addette al trasporto dei rifiuti, sono state comminate sanzioni per oltre 4.000 Euro per aver sovraccaricato l’autocarro del 30% rispetto al carico consentito e per aver compilato il formulario in modo incompleto ed errato.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione