21 Marzo 2023

Belpasso, la famiglia Verga possedeva un immobile nel quartiere Stella Aragona

Belpasso, la famiglia Verga possedeva un immobile nel quartiere Stella Aragona

Una casa con cortile, entrata comune e giardino, un orto grande, un orto piccolo ed una cisterna per un valore totale di onze 92.29.5.

Asec Trade S.r.l.

A seguito di un attento lavoro di ricostruzione e reperimento di antichi documenti grazie ad un fondo di ricerca destinato all’Archivio di Stato di Catania ed all’ineccepibile lavoro condotto dall’esperta Agata Tarso è stato ritrovato un antico carteggio che testimonia l’acquisizione da parte della famiglia Verga di un immobile con cortile a Belpasso nel 1819 presso il quartiere Stella Aragona (Borrello), Via Vittorio Emanuele II, civico 56.

L’Archivio di Stato di Catania conserva tutti i documenti dei lasciti testamentali ai figli da parte dei coniugi Verga: la casa nel quartiere Stella Aragona a Belpasso non viene menzionata. Le uniche proprietà che vengono dichiarate nei testamenti sono Palazzo Verga a Catania, la casa di Vizzini e la casa a Sant’Agata Li Battiati dove il fratello Mario soleva studiare Giurisprudenza; diverse lettere indirizzate al fratello Giovanni sono state scritte ed inviate da lì.

Le lettere sono state riportate all’interno del Volume dal titolo “Lettere ai fratelli (1883 – 1920)” a cura di Giuseppe Savoca e Antonio Di Silvestro, editato dalla Fondazione Verga (Euno Edizioni); importante testimonianza per la Biblioteca della Fondazione Verga. In questa serie di carteggi – analizzata attentamente in fase di ricerca – l’immobile di Belpasso non viene citato a differenza delle restanti proprietà, specie la casa di Sant’Agata Li Battiati precedentemente menzionata.

Riportiamo in parte la ricostruzione dell’atto notarile di dilazione di debito e vendita di case in Belpasso tra Pasquale La Piana (fu Giuseppe) e C. Lo S. Re Di Mauro e i coniugi Caterina Di Mauro e Giovanni Verga, genitori del padre del verismo italiano.

“Pasquale e il figlio Sebastiano La Piana avevano un debito di onze 150.1.16 con Caterina Di Mauro. Il tutto si lege nell’atto di conto finale del 4 gennaio 1819 agli atti del fu notaio Don Giuseppe Puglisi Balsamo del quale non vi sono ulteriori informazioni presso l’Archivio Notarile di Catania. I fratelli La Piana non avevano pagato il debito, Caterina Di Mauro e Giovanni Verga il 22 dicembre 1846 li convenivano in giudizio condannandoli al pagamento. Nella sentenza definitiva del 26 gennaio 1848 Pasquale e Sebastiano (già defunto) diedero in acconto onze 111.5.10 restando debitori dei signori Di Mauro – Verga per la somma di onze 217.13.5. Successivamente Pasquale – in vigor di questo atto – cede e trasferisce in pagamento il trasferimento dell’immobile con cortile sito a Belpasso”.

La presenza dei Verga a Belpasso non è stata documentata. Probabilmente la famiglia non ha mai goduto dell’immobile dato che – come apprendiamo dall’atto notarile – i coniugi avrebbero concesso a Don Pasquale La Piana il diritto di abitazione sulla casa ceduta a condizioni che l’abitazione fosse legata alla sua persona senza la possibilità di cederla a pigione. In più il Signor La Piana avrebbe dovuto pagare regolarmente le tasse ed effettuare le dovute riparazioni in casa. In caso di inadempienza sarebbe cessato il diritto di abitazione.

L’immobile è disabitato da anni, inaccessibile – in quanto pericolante – ed in cattivo stato. Ad oggi il Comune di Belpasso sconosce chi siano i proprietari.

Dal verbale di perizia apprendiamo che si tratta di una casa con casaleno con cortile, entrata comune e giardino, un orto grande, un orto piccolo ed una cisterna per un valore totale di onze 92.29.5.

Ultimo aggiornamento

Chiara Lucia Germenà

Chiara Lucia Germenà

Chiara Lucia Germenà (OdG Sicilia N^ 177881). Classe 1996. Giornalista e Dott.ssa in “Lingue e Letterature Comparate”. Appassionata di cultura e spettacolo: “Se non mi trovi cercami a Teatro”.