22 Febbraio 2023

Ast, M5S: Crisi aziendale o politica? Schifani garantisca il servizio

Ast, M5S: Crisi aziendale o politica? Schifani garantisca il servizio

Oggi audizione all’ARS dei vertici della compagnia di trasporti e della  Regione. I Cinquestelle propongono una commissione permanente congiunta a  Palazzo dei Normanni.

Asec Trade S.r.l.

Palermo 22 febbraio 2023 – “Il governo oggi in audizione ci ha raccontato  di una crisi dell’AST che sembra essere rientrata: tra qualche settimana  verranno presentati i bilanci 2021 e 2022 e il servizio continuerà ad  essere erogato, in attesa degli affidamenti tramite gara previsti per il  2024-2025. Quindi, si è trattato di una crisi di impresa creata artatamente  o di una crisi politica che stava per essere scaricata sui siciliani? Il  governo Schifani non pensi di barattare il diritto alla mobilità dei  siciliani con qualche posto di sottogoverno e continui a garantire quel  servizio sociale che svolge l’AST”.

A dichiararlo sono i deputati regionali del Movimento 5 Stelle Jose Marano,  vice presidente della Commissione Ambiente e Trasporti all’ARS, insieme ai  colleghi Cristina Ciminnisi e Adriano Varrica, a margine dell’audizione dei  vertici dell’AST e della Regione. I deputati lanciano una proposta.

“Proponiamo  l’idea di una commissione d’inchiesta all’ARS congiunta tra  due commissioni – dicono i deputati – per far luce sulle prospettive  aziendali, quelle economiche e occupazionali e ovviamente sul servizio.

Intanto oggi il governo ha riferito che il costo del servizio per i 14  centri urbani serviti da AST ha comportato una perdita di circa 5,5 – 6  milioni di euro l’anno e considerato che il servizio serve 625 mila  siciliani, parliamo di un costo di 2 centesimi per abitante al giorno”.

“C’è molta confusione sul futuro dell’azienda. Da una parte, il cda di AST  investe nell’ammodernamento del parco mezzi e nell’ultimo anno ha  recuperato circa 18 milioni di debiti, dall’altra parte, non sono chiare la  visione e le strategie che intende mettere in atto la Regione, unico  azionista dell’azienda e in attesa della relazione dell’esperto nominato  dal governo per decidere sul futuro dell’azienda”.

“La gestione economica finanziario dell’azienda, così come quello  organizzativa, vanno sicuramente migliorate, vanno incentivate alcune  tratte come quelle dell’Etna, patrimonio Unesco, visitato ogni anno da  milioni di persone e collegato con un solo autobus AST al mattino. Tratte  che potrebbero far crescere anche il numero di turisti e visitatori,  puntando all’efficienza gestionale ma non può essere smantellata un’azienda  da cui dipendono oltre 800 famiglie siciliane, che serve molti centri  urbani di piccole e medie dimensioni e garantisce il diritto alla mobilità  dei siciliani” – concludono Marano, Ciminnisi e Varrica.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione