09 Ottobre 2022

Biancavilla, Mogol: “Ognuno di noi ha un poeta dentro, bisogna coltivarlo”

Biancavilla, Mogol: “Ognuno di noi ha un poeta dentro, bisogna coltivarlo”

«Preoccupiamoci di creare prima l’uomo, poi l’artista. Altrimenti, cosa trasmetterà?» ha asserito Giulio Rapetti Mogol ieri a Biancavilla.

Asec Trade S.r.l.

«Non si può – continua – cercare il successo senza avere dietro di sé un credo, una saggezza e un amore per gli altri». In occasione della tappa biancavillese di ieri sera dell’Emozioni tour, Mogol ha prima incontrato i cittadini a Villa delle Favare.

Non ha certo bisogno di presentazioni il maestro che ha firmato le più belle canzoni italiane, non soltanto di Lucio Battisti. Ma non chiamatelo paroliere: «Il paroliere fa la settimana enigmistica» ha dichiarato, ironico, nel corso dell’incontro.

«Tutti abbiamo un talento latente ma bisogna coltivarlo. Alcuni non sanno qual è il proprio, lo scoprono dopo. Allora bisogna partire da ciò che interessa loro».

L’esortazione di Rapetti è rivolta soprattutto ai giovani, per i quali è stato pensato questo incontro organizzato dall’amministrazione comunale. L’inizio è il «momento più difficile ma serve autocritica. Bisogna insistere e cercare la rima, che ti dà l’idea. Impegnarsi, nella vita è così”.

«È un problema di maestria e di lavoro, al quale bisogna credere molto. È la filosofia della nostra scuola che mi arriva da Lucio (Battisti ndr), che studiava sette ore al giorno i numeri uno nel mondo per capire qual era il loro segreto. Studiare, lavorare e avere buoni maestri».

Presente ieri anche Gianmarco Carroccia, ex allievo di Mogol con il quale sta girando l’Italia per il tour dedicato a Lucio Battisti. Classe 1988, il giovane cantautore ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo della musica sin da piccolo ed è ritenuto, oggi, tra i migliori interpreti del repertorio Battisti-Mogol.

È nota l’attenzione verso i giovani da parte di Mogol, che negli anni Novanta ha fondato in Umbria il Centro Europeo di Toscolano (CET), scuola di alto prestigio per autori, cantanti e musicisti. «Al CET insegniamo a cantare e comporre ma anche a comportarci. Applaudiamo chi sa dare l’esempio, non esiste invidia nella nostra scuola e trasmettiamo quale comportamento fa dei nostri allievi dei nobili o dei miserabili. Senza onestà non siamo niente e la fortuna e i soldi non sono così importanti».

Un evento che ha visto la partecipazione numerosa di diverse generazioni, che hanno rivolto a Giulio Rapetti Mogol diverse domande. Tra il pubblico, un docente ha espresso il desiderio di inserire nei programmi scolastici i testi dei grandi autori della musica italiana per «preparare gli uomini del domani e spiegare il senso della vita».

Difatti, nelle antologie ufficiali non è previsto lo studio degli artisti perché «le accademie credono solo nel passato e si appellano al giudizio consacrato» ha risposto Mogol, che ha molto apprezzato la richiesta.

Le considerazioni di Rapetti sulla formazione a scuola hanno toccato anche altri aspetti, diversi dalla musica: «Voglio andare da Meloni per proporre un programma di sensibilizzazione rispetto al consumo intensivo di carne e agli effetti nocivi delle sigarette. Bisogna farlo già alle scuole elementari e all’asilo, perché a quell’età si assorbe di più. E dobbiamo essere noi grandi a insegnare tutto ai bambini».

Mogol ha parlato anche di alcune necessità della SIAE, di cui è presidente onorario: «Le piattaforme digitali guadagnano miliardi e noi centesimi, non è possibile. È una lotta importante da fare».

Il maestro ha condiviso con i presenti alcuni episodi vissuti con Bob Dylan, del quale ha tradotto alcuni testi: « Se tu mi spieghi cosa volevi dire nella canzone, la traduco» disse Giulio Rapetti al cantautore americano, dati alcuni discorsi sfumati e meno comprensibili.

Una piazza Roma gremita di gente ha suggellato la riuscita di questa tappa biancavillese dell’Emozioni Tour, inserito nel cartellone eventi delle festività biancavillesi di San Placido.

Ultimo aggiornamento

Emanuela La Mela

Emanuela La Mela