20 Aprile 2022

Due seminari di SiciliAntica sulla storia della civilizzazione

Due seminari di SiciliAntica sulla storia della civilizzazione

La sede nissena di SiciliAntica, presieduta da Stefania D’Angelo, nella foto, organizza due seminari sulla storia della civilizzazione che si terranno presso l’Aula Magna “Leonardo Sciascia” del Consorzio Universitario di Caltanissetta.

Asec Trade S.r.l.

I seminari saranno tenuti da Carlo Ruta, nella foto, saggista e storico delle civilizzazioni mediterranee, direttore scientifico del Laboratorio degli Annali di Storia di Ragusa, autore di centinaia di saggi sui mondi liquidi, le culture materiali, le progressioni tecnico-scientifiche e i percorsi della razionalità.

Nel corso del primo incontro dal titolo “I sistemi del mondo antico, i mondi liquidi e le fasi della civilizzazione” che avrà luogo venerdì 22 aprile alle ore 16,30, il Mediterraneo antico sarà scandagliato dallo storico come mare condiviso e tuttavia diviso, perché i sistemi che lo solcano tendono a scontrarsi. I sistemi più forti ed egemonici sono infatti quelli che, sin dalla Protostoria, riescono maggiormente a possedere le risorse nautiche, costituite da navi, porti e fari per la navigazione d’altura notturna. Saranno focalizzati, quindi, i sistemi minoico, miceneo e cananeo-fenicio, le rotte e le vie dei metalli. Sarà tracciato poi il paradigma delle vie del Cedro che si dipana dal Mar di Levante lungo varie direzioni: Egitto (regno assiro) e Persia (regno achemenide). Si passerà poi al sistema commerciale cartaginese e al nesso “edipico” con la città-stato di Roma che, esprimendo un imperialismo forte e organico, pone il Mediterraneo sotto la propria egida, mentre espande il limes terrestre che segna il primo passo per il passaggio da un’età prevalentemente di mare ad un’età prevalentemente di terra, che si manifesterà nel Medioevo.

Il secondo incontro dal titolo “La civiltà del legno e i percorsi della razionalità umana” che avrà luogo venerdì 29 aprile, sempre allo stesso orario, punterà i riflettori sull’importanza del legno, un materiale inteso come “ debole” (rispetto alla pietra e ai metalli, legati a età specifiche) che tuttavia

ha dominato ampiamente l’esistenza umana lungo l’intera Preistoria, dal Paleolitico superiore a tutte le fasi propriamente storiche. Con la manipolazione del legno nasce infatti la techne, cioè la capacità di trasformare la natura in risorse evolute e complesse. Questa materia organica, fino ad oggi quasi del tutto ignorata in sede storica, ha determinato in realtà una spinta essenziale per lo sviluppo della razionalità umana, costituendo una risorsa fondamentale per il logos del pensiero antico.

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato capo dell'Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.