28 Febbraio 2022

Erasmus+, erogata con ritardo la borsa di mobilità MIUR

Erasmus+, erogata con ritardo la borsa di mobilità MIUR

L’Università degli Studi di Catania ha finalmente provveduto alla mancata erogazione delle borse di studio. Nota dolente per gli studenti che hanno già concluso il periodo di mobilità all’estero.

Asec Trade S.r.l.

Oggi, dopo mesi d’attesa estenuante, sono arrivati i fondi previsti per il progetto Erasmus+ da parte del MIUR (Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca) a tutti i ragazzi iscritti all’Università degli Studi di Catania che hanno scelto di frequentare i corsi e sostenere gli esami all’estero per arricchire il proprio bagaglio formativo – culturale e per migliorare la lingua sul posto grazie alla partnership con gli atenei esteri. Un’opportunità da cogliere al volo se non fosse per le lunghe attese ed il non rispetto delle scadenze che a lungo andare hanno minato la fiducia degli studenti rispetto la serietà ed affidabilità dell’Istituzione Universitaria. 

La borsa di studio MIUR, insieme ai fondi assegnati dall’Unione Europea, è stata stanziata tenendo conto del reddito che gli studenti hanno dichiarato in fase di presentazione della domanda. Il primo ritardo riguarda la borsa UE che sarebbe dovuta arrivare a metà ottobre ed è stata erogata il 15 dicembre (leggi la nota dei rappresentanti degli studenti cliccando qui). Il problema sussiste ancora per gli universitari partiti durante il secondo semestre, un rinvio ingiustificato dato che le graduatorie finanziarie sono state pubblicate da tempo. A distanza di pochi mesi altro ritardo per la borsa MIUR cui graduatoria è stata pubblicata a fine gennaio per poi essere aggiornata in via definitiva pochi giorni fa; i fondi erogati oggi sarebbero dovuti arrivare ad ottobre. Ciò ha causato gravi disagi agli studenti, rendendo difficile e poco piacevole il soggiorno all’estero. Numerosi i ragazzi che, non riuscendo a coprire i costi che quest’esperienza richiede, hanno chiesto un aiuto economico in famiglia; tanti altri sono stati costretti a rinunciare al “sogno” rientrando in Sicilia anticipatamente (leggi l’articolo rispetto la mancata erogazione delle borse UE cliccando qui). A questi si aggiunge un’altra fetta, ovvero coloro che avendo completato i mesi indicati dal programma, lamentano la proroga della borsa MIUR. Tale problema non si è verificato negli altri atenei d’Italia dove i fondi sono stati anticipati dalle Istituzioni Universitarie ed erogati nei tempi previsti; l’Università degli Studi di Catania è stata l’unica a dover fare i conti con i ritardi. 

“Tutto questo è vergognoso. Come mai gli altri atenei sono stati capaci di risolvere prontamente il problema anticipando i fondi mentre Unict no?”. Questa la domanda degli studenti che all’unisono lamentano l’inefficienza da parte di chi avrebbe dovuto tutelarli economicamente durante il loro percorso fornendo delle garanzie economiche così come previsto da contratto entro 30 giorni dal trasferimento all’estero.

Ultimo aggiornamento

Chiara Lucia Germenà

Chiara Lucia Germenà

Chiara Lucia Germenà (OdG Sicilia N^ 177881). Classe 1996. Giornalista e Dott.ssa in “Lingue e Letterature Comparate”. Appassionata di cultura e spettacolo: “Se non mi trovi cercami a Teatro”.