21 Febbraio 2022

Cimitero Catania: furto cavi elettrici e alcune cappelle restano chiuse

Cimitero Catania: furto cavi elettrici e alcune cappelle restano chiuse

Lo sgomento e la rabbia di una nostra lettrice, Adriana Chillemi: “Sono rimasta con i fiori in mano senza poter visitare la tomba dei miei cari”.

Asec Trade S.r.l.

È domenica mattina, una nostra lettrice, la dottoressa Adriana Chillemi, si reca al cimitero con tanto di fiori da apporre alla tomba dei sui cari. Entra al cimitero di Catania e si reca nella cappella San Cristoforo alle Sciare 3. Li vi sono tumulati i suoi genitori e una zia. Fin qui tutto normale, ma non appena giunta all’ingresso della cappella, alle 11.30, l’amara sorpresa. «La cappella era chiusa e sulla porta d’ingresso vi era apposto un cartello con su scritto “chiusura temporanea a causa furto cavi elettrici. Scusate il disagio” – racconta la Chillemi – . Anche altre cappelle vicine erano chiuse per lo stesso motivo».

La nostra lettrice nel commentare l’accaduto afferma: «Questa del furto dei cavi elettrici all’interno del Cimitero mi è nuova. Chi fa questo non ha rispetto per il dolore altrui. È un oltraggio. Noi peraltro non abbiamo avuto nessuna comunicazione che la cappella fosse chiusa», spiegando alla nostra redazione che chi si reca a visitare i propri morti ci resta male restare fuori. «Mi auguro che le cause del disservizio vengano ripristinate nell’immediato e le cappelle riaperte. Per me è stata un’esperienza dolorosa».

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.