08 Febbraio 2022

Librino, abbatte muro oratorio e si appropria del terreno

Librino, abbatte muro oratorio e si appropria del terreno

Nei giorni scorsi, agenti del Commissariato Librino hanno eseguito numerosi controlli volti a contrastare l’illegalità diffusa nel territorio di competenza.

Asec Trade S.r.l.

Particolare rilievo assume l’attività effettuata in viale Grimaldi, dove un uomo di 62 anni, pluripregiudicato, è stato arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Palermo per i reati di evasione, porto abusivo di oggetti atti ad offendere (un coltello di cui è stato trovato in possesso), false generalità a pubblico ufficiale, invasione di terreni ed edifici e gestione illegale di rifiuti speciali. L’arrestato, insieme ad altri 2 soggetti residenti in zona,  indagati in stato di libertà per gestione illegale di rifiuti e occupazione illegale di terreno, aveva demolito con una ruspa il muro perimetrale di un oratorio religioso che accoglie i minori residenti a Librino ai fini ricreativi, ciò allo scopo di trasportarvi e detenervi alcuni cavalli.

Tra l’altro, il terreno è di proprietà del Comune di Catania che, visti i nobili scopi, lo aveva affidato alle suore le quali, invitate presso gli uffici di polizia, hanno sporto la relativa denuncia.

Non solo, i malfattori hanno abbandonato il materiale di risulta nel verde pubblico, senza curarsi dei molti residenti e dei tanti ragazzini che frequentano il posto.

La ruspa utilizzata per la demolizione e il coltello in possesso dell’arrestato sono stati sottoposti a sequestro penale e sono state inoltrate le richieste agli enti competenti al fine di fare ripulire e bonificare l’area interessata.

 

Nel prosieguo dei servizi, un pregiudicato di 43 anni è stato sottoposto ad ordinanza di detenzione domiciliare, un uomo di 73 anni è stato indagato in stato di libertà per il reato di furto aggravato e un 44enne è stato indagato per il reato di omessa custodia giudiziale.

È stato anche individuato un uomo di 49 anni che è stato indagato in stato di libertà per il furto di un borsello trafugato a un paziente che si trovava all’interno Ospedale San Marco.

Sono stati effettuati anche controlli di soggetti sottoposti alla misura degli arresti domiciliari: 2 di essi sono stati indagati per il reato di evasione.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione