16 Dicembre 2021

Giuseppe Castiglia è un grande “mastru Austinu”

Giuseppe Castiglia è un grande “mastru Austinu”

Il Teatro Musco riapre proponendo un classico del repertorio siciliano: San Giovanni decollato, in scena fino al 19 dicembre.

Asec Trade S.r.l.

 

Non poteva esserci ri-apertura migliore per il “nuovo” Teatro Musco, restituito alla sua ultra decennale vocazione nazionale, sotto la direzione artistica di Francesca Ferro. Si ricomincia, quindi, con uno dei copioni più classici della commedia siciliana d’autore. “San Giovanni decollato” viene riproposto continuamente, non sempre con risultati all’altezza della briosità e della freschezza del testo del grande Nino Martoglio. Il regista Antonello Capodici è esemplare nel dettare i tempi comici, nel dare spazio interpretativo a tutti gli attori tra i quali giganteggia con consumata autorevolezza da palcoscenico Giuseppe Castiglia, ciabattino con manie di grandezza, improbabile professore a riposo, mentre Carmela Buffa Caleo conferma una straordinaria verve facendo brillare di luce propria il personaggio della madre dello sposo. Applausi, tanti e meritati, per tutti gli altri protagonisti: da Elisa Franco, moglie stizzosa e vorace di don mastro Austinu, a Turi Giordano, consuocero, suo malgrado, di Castiglia. E poi: Maria Chiara Pappalardo, Alberto Abbadessa, Giovanni Fontanarosa, Rebecca Testai, Giovanni Maugeri. Bravi tutti, insomma, anche il maestro fisarmonicista Pietro Galvagna, esecutore di musiche dal vivo e attore fuori dal palcoscenico. Insomma, spettacolo da non perdere.

E, adesso, dopo Giuseppe Castiglia, grande attesa per un altro attore comico amatissimo a Catania, e non solo a Catania, come Gino Astorina nell’ “Eredità dello zio canonico” di Russo Giusti, altra commedia della migliore tradizione siciliana.

Daniele Lo Porto

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.